Volley, morto Michele Pasinato: addio al campione del mondo e d’Europa

Stroncato da una malattia contro la quale combatteva da tempo. Con la Nazionale fu campione del mondo nel 1998 ed Europeo nel 1993 e 1995
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il mondo della pallavolo piange la scomparsa per una grave malattia, a soli 52 anni, di Michele Pasinato. Campione del mondo nel 1998 a Tokyo e due volte oro agli Europei di Turku 1993 e Atene 1995 sotto la guida di Julio Velasco, Pasinato detiene ancora il record di punti segnati nella regular season della massima serie del campionato italiano con 7.031 punti in 280 partite. Classe 1969, Pasinato era originario di Cittadella (provincia di Padova) e in maglia azzurra ha collezionato 252 presenze, prendendo parte a molte vittorie di quella passata alla storia come ‘La Generazione di Fenomeni’.

“Chi ha avuto la fortuna di conoscerlo, racconta di un uomo e un atleta impeccabile, sempre pronto con i suoi atteggiamenti semplici a mostrare l’attaccamento verso la maglia azzurra e più in generale verso il volley. Una passione talmente forte d’averla attaccata ai figli Edoardo e Giorgio, entrambi giovani pallavolisti. Da parte del presidente Giuseppe Manfredi, dei vicepresidenti Adriano Bilato e Luciano Cecchi, del segretario generale Alberto Rabiti, del Consiglio Federale e dell’intera Federazione italiana pallavolo giungano alla famiglia di Michele sentite condoglianze”, si legge nel comunicato della Fipav.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»