Friuli Venezia Giulia verso nuovo protocollo per riaprire cinema e teatri

Lavoratori arte e spettacolo genova
L'assessore regionale alla Cultura e coordinatrice della commissione Beni e attività culturali della Conferenza delle Regioni, Tiziana Gibelli, ha incontrato il ministro Dario Franceschini e gli ha chiesto di definire una serie di misure compatibili col sistema delle zone-colori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – “Il ministro ha informato la commissione che è allo studio un nuovo protocollo per gli spettacoli dal vivo che sarà vagliato dal Comitato tecnico scientifico e al quale le Regioni hanno chiesto ed ottenuto di contribuire. Si tratta di definire una serie di misure che siano compatibili con il sistema delle zone-colori e che punti anche ad un ampliamento del numero di spettatori”. Lo fa sapere una nota dell’assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia e coordinatrice della commissione Beni e attività culturali della Conferenza delle Regioni, Tiziana Gibelli, al termine dell’incontro con il ministro della Cultura, Dario Franceschini.

“Insieme ai colleghi assessori presenti- prosegue Gibelli- abbiamo anche sottolineato al ministro come le realtà culturali del nostro Paese non si siano mai fermate in quest’anno così difficile, a volte reinventandosi, a volte cercando e trovando modi alternativi per proporre la loro offerta, anche con le tecnologie. Ma questo certamente non basta per la loro sopravvivenza- sottolinea-. Da qui l’importanza di garantire adeguati ristori sia ai lavoratori che alle imprese e di velocizzare l’erogazione 2021 del Fondo unico per lo spettacolo (Fus)”. Punto quest’ultimo su cui la commissione chiede di partecipare per definire i criteri di assegnazione, così come per predisporre il ddl in materia di spettacolo. Franceschini ha chiesto infine alle Regione di segnalare eventuali categorie sinora escluse dagli indennizzi, conclude Gibelli.

LEGGI ANCHE: Friuli Venezia Giulia, Zanin difende l’identità multilinguistica al tavolo Rai

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»