Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, Lepore: “Il governo faccia di più per i ristoratori”

matteo-lepore
Il candidato sindaco parteciperà domani pomeriggio ad un'iniziativa pubblica su Facebook che lo vede confrontarsi con alcuni imprenditori cittadini sul tema delle misure di sostegno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Il governo deve fare di più per commercianti e ristoratori“. Parole, quelle dell’assessore al Turismo del Comune di Bologna, Matteo Lepore, in corsa per la candidatura a sindaco di Bologna per il Pd, che suoneranno come musica alle orecchie degli imprenditori che domani pomeriggio si confronteranno con lui nel corso di un’iniziativa pubblica su Facebook. Il presidente di Confesercenti Massimo Zucchini, il ristoratore Max Poggi, il titolare della Cantina Bentivoglio Vincenzo Cappelletti e la consigliera comunale del Pd Isabella Angiuli discuteranno con Lepore delle misure di sostegno per commercianti e ristoratori. “Ho raccolto l’invito di queste realtà ad un confronto e molto volentieri mi metto a loro disposizione, insieme ad Isabella Angiuli, per dar voce al mondo del commercio, del turismo e della ristorazione, soprattutto per quanto riguarda le iniziative di governo e parlamento“, assicura Lepore. La diretta dell’iniziativa sarà trasmessa sulla pagina Facebook dell’assessore.

LEGGI ANCHE: Bologna, Isabella Conti conferma: “Io candidata sindaco? Ci sto pensando”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»