Vaccino, sindaco Ischia: “Immunizzare entro giugno per salvare il turismo sull’isola”

La campagna vaccinale estesa a tutti i cittadini dovrebbe partire "tra una settimana esatta" ha annunciato il primo cittadino Vincenzo Ferrandino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Per Ischia la campagna vaccinale ha una duplice valenza, è importante sia sul piano sanitario che su quello economico e sociale. Questo riguarda tutte le isole minori italiane e per questo ci siamo attivati perché la decisione assunta per le isole del golfo di Napoli potesse riguardare tutte le isole minori d’Italia”. A spiegarlo all’agenzia Dire è Vincenzo Ferrandino, sindaco di Ischia. La campagna vaccinale sull’isola verde estesa a tutti i cittadini dovrebbe partire “tra una settimana esatta – ha annunciato il primo cittadino – salvo colpi di scena perché tutta la campagna vaccinale è chiaramente subordinata alla quantità di dosi che arrivano in Campania, visto l’elevato numero di residenti isolani. A Ischia (secondo il dato aggiornato alla serata di ieri) sono 10mila i cittadini che si sono iscritti alla piattaforma per dare la propria adesione”. Allestiti già due hub vaccinali “e un terzo – ha fatto sapere il sindaco – dovrebbe essere allestito nel parco termale di Lacco Ameno”. Secondo Ferrandino sarebbe importante completare le campagna vaccinale “entro i primi giorni di giugno per salvare la stagione turistica che è alle porte”.

L’isola d’Ischia “conta 70mila abitanti, si tratta – ha ricordato il primo cittadino – della terza isola italiana per numero di abitanti. Dobbiamo innanzitutto preservare la salute dei nostri cittadini. Abbiamo un ospedale che conta 65 posti letto, il 20% è destinato alla cura dei pazienti Covid. A volte, per condizioni meteo avverse, i cittadini non possono muoversi e per loro in questi casi sono inibite cure in altri ospedali”.

L’aspetto sanitario è il primo che va preso in considerazione, poi c’è chiaramente l’aspetto economico. Ischia – ha osservato Ferrandino – vive esclusivamente di turismo. Da un anno patiamo le conseguenze delle norme in vigore per il contenimento della pandemia. Sono misure necessarie, ma qui ci sono tensioni economiche e sociali che riguardano tutte le famiglie isolane. Una campagna vaccinale a tappeto significa speranza di ripartire, questo ci fa guardare al futuro con più ottimismo“. “È chiaro – ha sottolineato il sindaco – che quanto detto per Ischia vale per le altre isole minori della nostra nazione, quasi tutte a vocazione turistica. È bene, quindi, che la campagna vaccinale venga estesa a tutte le isole minori d’Italia, come hanno fatto tante altre nazioni del mondo per garantire una ripartenza”.

LEGGI ANCHE: In Italia isole covid-free come in Grecia. Sì di Garavaglia e Figliuolo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»