Una sedia vuota alla Camera per von der Leyen: la protesta Pd

Una protesta contro quanto accaduto ieri in Turchia nei confronti di Ursula Von der Leyen nel corso dell'incontro con il presidente turco Erdogan
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ieri c’è stata un’offesa grave all’Europa attraverso un gesto e la forma è sostanza. Offendere la Von der Leyen vuol dire aver offeso l’Unione europea e quello che l’Europa rappresenta nel mondo nella difesa dei diritti umani e di quelli delle donne. Spero che questa sia una occasione per spingere politicamente la tutela dei diritti delle donne anche in Turchia”. Lo dice la deputata Pd, Beatrice Lorenzin, che interviene in apertura di seduta dopo che una sedia vuota è stata posta al centro dell’emiciclo, davanti ai banchi del governo e della presidenza della Camera per protesta contro quanto accaduto ieri in Turchia nei confronti di Ursula Von der Leyen nel corso dell’incontro con il presidente turco Erdogan.

LEGGI ANCHE: Ursula resta in piedi, Erdogan fa sedere solo i maschi

Per Lorenzin “l’Europa rimane un faro per miliardi di persone, per tante donne che lottano per i loro diritti”. Certo, aggiunge, “in queste ore vedremo la diplomazia all’opera nel tentativo di dare spiegazioni di quello che è accaduto“, si parlerà di “incidente diplomatico, ma questo, invece, è un atto più profondo e più grave, è un atto fatto con premeditazione e l’europa deve rispondere con la forza delle sue azioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»