Abruzzo, si suicida in carcere il primario della Asl Pescara Sabatino Trotta

Era stato arrestato ieri mattina. Gli si contestava di aver truccato un appalto da 11 milioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESCARA – Si è suicidato nella notte, nel carcere di Vasto, Sabatino Trotta, il primario della Asl di Pescara arrestato ieri mattina nell’ambito dell’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Pescara per cui, con altre due persone, anche loro finite in manette, era chiamato a rispondere di vari reati (in particolare corruzione, istigazione alla corruzione e turbata libertà degli incanti) per aver, sostiene l’accusa, truccato un bando da 11 milioni di euro. Stanotte il tragico epilogo della vicenda. Nonostante l’intervento della polizia penitenziaria e dei medici del 118, il medico 55enne di Castiglione a Casauria e residente a Spoltore, a capo del dipartimento di Salute Mentale, non ce l’ha fatta. La Procura di Vasto ha aperto un fascicolo sull’accaduto. Nel 2019 Trotta si era candidato alle elezioni regionali con Fratelli d’Italia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»