VIDEO | Coronavirus, Zampa: “La scienza guidi la ripartenza in attesa del vaccino”

sandra zampa
Lo dice la Sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, nella videointervista all'agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://vimeo.com/405515977

ROMA – “Sappiamo che siamo a rischio finche’ non ci sara’ una terapia davvero efficace, sapendo pero’ che solo con il vaccino potremo dire di essere davvero liberi da questo incubo che e’ il coronavirus” dice la Sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, nella videointervista all’agenzia Dire. 

“I dati ci confortano, abbiamo fatto molte rinunce e molti sacrifici, il prezzo economico e finanziario che l’Italia sta pagando, e che le famiglie e le persone anche piu’ fragili si troveranno a pagare, e’ una cosa enorme. Per questa ragione- prosegue- questo sacrificio non va vanificato e per questa ragione la politica dovra’ farsi accompagnare dalla scienza“.

La scienza, quindi, deve fornire “criteri che ci facciano immaginare un allentamento delle attuali misure di restringimento, ma che siano compatibili con la certezza che non si mette in discussione cio’ che abbiamo ottenuto“. 

La vera soluzione, pero’, e’ solo il vaccino: “Attendiamo qualcosa che sia l’equivalente della penicillina, come tutti sanno occorre che arrivi il vaccino che sara’ lo scudo che ci riparera’ da ogni cosa. Solo allora- conclude Zampa- potremo dire di essere davvero liberi da questo incubo che e’ il coronavirus”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»