Coronavirus, Cia: “Le aziende agricole entrano nel dl liquidità”

Ora le imprese agricole si attendono tempi rapidi e certi nell'erogazione del credito e nella copertura delle garanzie pubbliche, attraverso procedure semplificate
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Le imprese agricole potranno accedere agli interventi finanziari garantiti dallo Stato e previsti nell’emendamento al decreto legge sulla liquidita’, varato dal governo il 6 aprile e prossimo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Dopo la giornata di ieri passata a setacciare il provvedimento, Cia-Agricoltori Italiani ha fatto pressing sul Governo, perche’ si modificasse la norma. A confermare la disposizione sono arrivati il Ministro dell’agricoltura Teresa Bellanova e il suo collega all’Economia Roberto Gualtieri, i quali hanno assicurato un’adeguata formulazione nel provvedimento, per far rientrare le imprese agricole, dimenticate da una prima versione della norma, a causa della previsione del solo parametro di bilancio che nella stragrande maggioranza dei casi non e’ invece contemplato per le imprese del settore. Si tratta di un intervento richiesto e preteso da Cia-Agricoltori Italiani nell’interesse di un settore che dimostra, soprattutto in questo periodo di emergenza, la sua centralita’ nell’economia, approvvigionando di cibo gli scaffali di negozi e della grande distribuzione. Ora le imprese agricole si attendono tempi rapidi e certi nell’erogazione del credito e nella copertura delle garanzie pubbliche, attraverso procedure semplificate , sulle quali Cia sicuramente attivera’ sistemi di monitoraggio per valutare l’adeguatezza degli interventi messi in campo”. Cosi’ in un comunicato Cia.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, boom di consumi nell’ortofrutta, la proposta: “Nei campi gli operai delle fabbriche chiuse”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»