Bologna, è già ressa mascherine. I sindaci: “State calmi”

Dopo l'annuncio dei giorni scorsi sulle mascherine gratuite per tutti, i cittadini stanno prendendo d'assalto gli uffici Urp dei Comuni. Che ancora non hanno informazioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – L’annuncio della Regione Emilia-Romagna sulla distribuzione gratuita della mascherine alla popolazione ha messo in agitazione i cittadini, che da ieri stanno prendendo d’assalto (telefonico) gli Urp dei Comuni per sapere come avere i dispositivi. È il caso per esempio dell’area metropolitana di Bologna, dove i sindaci hanno il loro bel da fare per tenere sotto controllo la gente.

LEGGI ANCHE: Svolta in Emilia-Romagna: da mercoledì mascherine gratis per tutti

SINDACO CASALECCHIO: “ALMENO UNA MASCHERINA A FAMIGLIA”

Moltissimi cittadini stanno già scrivendo a me e al Comune per chiedere informazioni sulle modalità di consegna- scriveva ieri sera su Facebook il sindaco di Casalecchio, Massimo Bosso- ad oggi non vi sappiamo ancora dire nè i tempi di arrivo di queste mascherine nè il numero preciso di quante saranno assegnate a Casalecchio di Reno. Appena sarò in possesso di queste informazioni vi terrò aggiornati, comunicandovi anche con quali criteri renderemo disponibili le mascherine ai cittadini”.

Bosso però ci tiene però a mettere in chiaro alcuni punti. Prima di tutto, spiega il sindaco di Casalecchio, “faremo in modo di prevedere modalità di consegna che limitino al minimo (possibilmente a zero) possibili assembramenti. Sarebbe assurdo se, per dotare i cittadini di presidi che salvaguardino la loro salute, finissimo per creare possibili occasioni di contagio”. Inoltre, “doteremo gli utenti più deboli ed esposti della nostra città di questi presidi”. Infine, “vogliamo coprire il più alto numero di nuclei famigliari, per dotarli di almeno una mascherina” per ogni famiglia.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Emilia Romagna i conti non tornano: i morti potrebbero essere molti di più

SINDACO SASSO MARCONI: “INUTILE ORA AFFOLLARE EDICOLE E FARMACIE”

Lo stesso refrain sulle mascherine viene ripetuto anche in altri Comuni del bolognese. A Sasso Marconi, ad esempio, il Comune spiega che “in attesa di ricevere le mascherine, stiamo valutando quale sia la migliore modalità di distribuzione. In questo momento è dunque inutile rivolgersi a farmacie ed edicole, formando assembramenti che sono peraltro da evitare. Vi daremo al più presto informazioni dettagliate su come e dove ritirare le mascherine”.

LEGGI ANCHE: “Scippo di mascherine”, scontro fra sindaci a Reggio Emilia

SINDACO GRANAROLO: “DAREMO INFORMAZIONI APPENA LE AVREMO”

Allo stesso modo, il Comune di Granarolo sottolinea che “molti cittadini stanno contattando l’Urp per chiedere informazioni. Come già anticipato, forniremo i dettagli sulle modalità e i criteri di distribuzione, non appena conosceremo i tempi di consegna e il numero di mascherine che la Regione consegnerà al nostro, Comune che al momento non sono ancora note”.

SINDACO PIANORO: “SE NECESSARIO PRIORITÀ A PERSONE FRAGILI”

Dal canto suo Franca Filippini, sindaco di Pianoro, mette in chiaro che se le mascherine inviate dalla Regione “saranno in numero sufficiente per coprire l’intera popolazione pianorese, verranno distribuite a tutte le famiglie. Se invece saranno poche, daremo la priorità alle persone con fragilità“.

LEGGI ANCHE: FOTO | Coronavirus, Bologna deserta nel primo giorno di ‘zona protetta’

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»