VIDEO | Coronavirus, Marcolongo (Sant’Andrea): “Il modello Lazio ha retto bene”

Il Direttore generale: "L'epidemia? Ce la porteremo dietro tutto l'anno"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il modello di risposta ospedaliera della città metropolitana e dei capoluoghi di provincia finora ha retto in modo egregio, i dati ci danno ragione. Non c’è stato alcun rifiuto e alcuna incapacità di gestire situazione di criticità. Ora, però, è importante non smantellarlo perché sono certo che questa epidemia ci accompagnerà per tutto l’autunno e l’inverno prossimo, fino a che non ci sarà un vaccino in grado di debellare il virus”. Lo ha detto il direttore generale dell’azienda ospedaliera Sant’Andrea di Roma, in un colloquio Skype con l’agenzia Dire.

La struttura del quadrante a Nord della Capitale è un Hub della terza fase di gestione dell’emergenza Covid-19 messa in campo dalla Regione Lazio. Dispone di 50 posti letto covid e 32 posti di terapia intensiva. “E’ una delle dotazioni più cospicue di tutta la rete romana”, ha sottolineato Marcolongo, ricordando che “fin dall’inizio il Sant’Andrea è stato interessato come ospedale Covid di riferimento. All’inizio abbiamo attivato un pre-triage con 8 tende esterne e abbiamo cercato di svuotare il Pronto soccorso, che è stato poi destinato ai pazienti covid. E’ stata un’operazione non facile, che ha richiesto una grande attenzione e disponibilità professionale”.

Inoltre “sono stati differenziati i percorsi per i pazienti chirugici- ha continuato Marcolongo- e abbiamo dedicato 22 posti letto all’area pneumologica, per i pazienti che hanno bisogno di riabilitazione o dopo lo svezzamento della terapia intensiva. Infine, abbiamo attivato subito un laboratorio per i test e nell’ultima settimana è stata ampliata la capacità dell’offerta, rendendo più efficiente individuare i portatori sani, che si trovano anche tra gli operatori e non solo tra i cittadini”.

Il direttore generale si dice “certo” che l’emergenza proseguirà per tutto l’anno, almeno finché non sarà pronto un vaccino. Per questo “è fondamentale far convivere nelle nostre organizzazioni ospedaliere i percorsi Covid e non Covid, perché i pazienti ci saranno ancora. Se la copertura è circa del 10 per cento della popolazione, non è che il virus sparisce all’improvviso. Non bisogna quindi smantellare le strutture costruite, ma magari ridimensionarle. Anche lo sviluppo delle app, con la possibilità per i medici di seguire i pazienti a domicilio, è fondamentale per ridurre l’impatto sulla rete ospedaliera”.

Marcolongo è infine scettico sull’opportunità di estendere il test a tutti i residenti del Lazio. “Quale test? La procedura del tampone è piuttosto laboriosa, richiede circa 6 ore, e anche i metodi rapidi non hanno portato successo. Piuttosto credo che i test seriologici, nonostante i dubbi, siano uno strumento efficace. E’ importante identificare chi è già guarito, chi non lo è, e chi è in dubbio. Non a caso anche altre Regioni lo hanno gia preso. Posso dire che anche noi l’abbiamo già preso. Abbiamo fatto il tampone a tutto il personale e lo monitoriamo con la sierologia. A dimostrazione che lo abbiamo già acquisito come metodo di monitoraggio permanente”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»