Coronavirus, dopo 16 ore ancora nessun accordo sugli eurobond

La riunione dell'Eurogruppo è aggiornata a domani. Gualtieri dice: "È il momento della responsabilità comune, della solidarietà e delle scelte coraggiose e condivise"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nonostante i progressi nessun accordo ancora all’Eurogruppo. Continuiamo a impegnarci per una risposta europea all’altezza della sfida del Covid19. È il momento della responsabilità comune, della solidarietà e delle scelte coraggiose e condivise”. Lo scrive su twitter Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia.

GENTILONI: COMMISSIONE FA APPELLO AL SENSO DI RESPONSABILITÀ

“Eurogruppo rinvio senza accordo dopo 16 ore di riunione. La Commissione fa appello al senso di responsabilità necessario in una crisi come questa. Domani è un altro giorno”. Lo scrive su twitter Paolo Gentiloni, commissario Ue.

GELMINI: ENNESIMO BUCO NELL’ACQUA DELL’EUROGRUPPO

“Ennesimo buco nell’acqua dell’Eurogruppo, ennesimo rinvio mentre l’Unione europea avrebbe bisogno di risposte concrete e immediate per far fronte ad una crisi senza precedenti. Permangono, purtroppo, gli interessi strettamente nazionali di Paesi – Olanda in testa – che pensano di poter curare la polmonite con un’aspirina, senza condividere le misure straordinarie che invece servirebbero per supportare un’economia continentale ormai in ginocchio. Prevalgono le miopie e il rigore ottuso sulla solidarietà. Nessuna intesa sugli eurobond, nessun passo in avanti su un possibile Mes senza condizioni. L’Italia non riesce ad incidere sul dibattito in corso, e le finte minacce del premier Conte non impressionano nessuno. Di fronte al rischio di un non accordo o di un accordo al ribasso Paolo Gentiloni, che rappresenta il governo italiano in seno alla Commissione, deve far sentire – ad ogni costo – alta e forte la sua voce. Così, con questa Europa, non andiamo da nessuna parte”. Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»