Sanità, linee guida ed esenzione per i Brca 1 e 2

CAMOGLI - Nella cornice del Teatro sociale di Camogli,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAMOGLI – Nella cornice del Teatro sociale di Camogli, aperto al pubblico mesi fa dopo 40 anni di chiusura, medici e pazienti hanno parlato delle mutazioni oncogenetiche Brca 1 e 2 che procurano un rischio di ammalarsi di tumore dal 60 al 90%. ‘aBRCAdabra’, la prima associazione nata per le persone portatrici di Brca, la Lilt, Acto onlus ed Europa Donna, insieme per un convegno informativo dal titolo ‘Io non T.E.M.O. perche’ So’, promosso anche dal Centro Tumori S. Martino Ist di Genova, oggi pomeriggio si sono date appuntamento per parlare di tumori ereditari della mammella e dell’ovaio.

Le due mutazioni espongono all’alto rischio di sviluppare i due tumori, e altre neoplasie, in eta’ giovanile. Mancano delle linee guida nazionali e ancora oggi le persone portatrici faticano ad orientarsi tra accesso al test genetico, sorveglianza e chirurgia preventiva, dopo l’onda mediatica del cosiddetto effetto Jolie, anche a causa di una forte disomogeneita’ tra le Regioni. La Liguria, dopo Lombardia ed Emilia-Romagna, ha di recente approvato un codice ad hoc per gli esami di sorveglianza delle persone con mutazione genetica.

Ci salviamo con conoscenza e prevenzione. Per me un onore l’incontro con le associazioni e un orgoglio la nostra Liguria”, ha commentato l’Assessore regionale alla Sanita’, Sonia Viale.

Un aiuto importante per le persone mutate e’ la condivisione e la conoscenza di un percorso mirato. “Per questo e’ nato un gruppo facebook da cui ha preso vita la nostra associazione– ha spiegato Ornella Campanella, presidente di ‘aBRCAdabra’- La vera prevenzione per queste persone a rischio e’ intercettarle prima che si ammalino. Noi- ha concluso Campanella- vogliamo sapere”.

di Silvia Mari, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»