Gentiloni presenta ‘Casa Italia’: “Progetto per tutelare la nostra grande bellezza”

ROMA - "Casa Italia e' un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – “Casa Italia e’ un investimento sulla nostra identita’. Sulla nostra bellezza. E’ il modo in cui l’Italia oggi sta nel mondo“. Con queste parole il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha presentato questa mattina a Milano il progetto Casa Italia, il “programma di lungo periodo, con l’obiettivo di coordinare e integrare le attività di promozione della sicurezza” sul territorio italiano.

Il progetto partirà con dieci progetti pilota, per i quali il governo ha già stanziato 25 milioni di euro. L’obiettivo dichiarato è quello di “sperimentare soluzioni costruttive innovative, in grado di aumentare la sicurezza degli abitanti a fronte di eventi sismici, mantenendo al contempo l’edificio vivibile e utilizzabile durante tutte le fasi dell’intervento”; “derivare, a valle della sperimentazione, linee guida che possano costituire un riferimento per interventi estesi all’intero territorio nazionale”; “rappresentare occasioni di un più ampio coinvolgimento sul tema della sicurezza, sia a livello locale che in ambito nazionale”; e “consentire una riflessione dal basso sulle politiche adottate in passato per promuovere la sicurezza”.

Secondo il premier Gentiloni, Casa Italia è un progetto che “non nasconde le fragilita’ della nostra bellezza, fragilita’ che non sono solo sismiche. Non mette sotto il tappeto la nostra storia, come fosse polvere ma accetta la sfida di prendersene cura. E’ uno dei progetti piu’ ambiziosi che abbiamo– ha sottolineato Gentiloni- Talmente ambizioso che ha una prospettiva lunga davanti e non deve essere considerato un progetto vincolato a questa o quella prospettiva politica”, ma un lavoro nel quale “arte, scienza e politica devono prendersi per mano“.

“Le ultime scosse di terremoto- ha ricordato il premier- hanno provocato danni, tra diretti e indiretti, per un ammontare di 23 miliardi di euro. Questo e’ il costo della sequenza sismica che abbiamo avuto negli ultimi 8 mesi in Italia. Martedì nella prossima operazione finanziaria, inseriremo anche diverse risorse per le ricostruzione. Oltre un miliardo l’anno”.

Il premier Paolo Gentiloni ha letto infine una poesia di Gianni Rodari per ricordare che il governo sosterra’ le popolazioni colpite dal terremoto degli scorsi mesi: “C’e’ una volonta’ in queste popolazioni su cui dobbiamo far leva, una volonta’ che mi ha fatto venire in mente una bellissima poesia di Gianni Rodari che si chiama ‘Dopo il terremoto’: ‘Tra le tende dopo il terremoto i bambini giocano a palla avvelenata. Giocano al mondo, ai quattro cantoni, a guardie e ladri, la vita rimbalza elastica, non vuole altro che vivere'”. Questa poesia, ha concluso Gentiloni, “ci da’ l’idea dello spirito che io davvero ho visto all’opera, della voglia di vivere e ricominciare in queste zone”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»