Sanità, Pd: “Proroga a piano riordino opportuna per nuove assunzioni”

BARI - "La scelta della Regione di aderire alla proroga del
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sanità_medici_dottoriBARI – “La scelta della Regione di aderire alla proroga del piano operativo mi sembra opportuna perché solo così avremo la possibilità di spendere i 600 milioni di euro destinati a nuove assunzioni tra medici ed infermieri“. Lo dichiara il capogruppo del Partito Democratico in consiglio regionale, Michele Mazzarano, nella speranza di chiarire definitivamente i fatti per come sono realmente, e di mettere un freno alle strumentalizzazioni politiche che in questi ultimi giorni hanno prodotto solo molta disinformazione.
“Abbiamo fatto una chiara scelta politica – continua Mazzarano – sulla quale si può concordare o meno. Lo abbiamo fatto perché riteniamo che in questo momento il problema della grave carenza d’organico sia il vero dramma della sanità pugliese. La polemica sui posti letto è fuorviante; se non ci sono medici ed infermieri che li rendono effettivamente funzionanti, più posti letto e più ospedali non servono a nulla. La Puglia inoltre ha superato il coefficiente previsto per il rispetto dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza); questo dato indica che siamo sulla buona strada”.

   “Sono certo – conclude Mazzarano – della piena collaborazione del Governo nella indicazione delle prescrizioni che devono integrare il piano di riordino ospedaliero per costruire una sanità più efficiente e al sevizio dei cittadini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»