hamburger menu

Tg Politico Parlamentare, edizione dell’8 marzo 2022

UCRAINA, LA MEDIAZIONE DEL VATICANO Tredicesimo giorno di guerra in Ucraina e cresce la paura per l’intensificarsi degli attacchi russi. A dare una svolta al conflitto, infatti, potrebbe essere l’aviazione. Uno strumento devastante già usato da Mosca in Siria ad Aleppo. Vladimir Putin sarebbe intenzionato ad attaccare le città ucraine con bombardamenti a tappeto. Intanto, […]

Pubblicato:08-03-2022 17:47
Ultimo aggiornamento:08-03-2022 17:47
Canale: TG-Politico
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

UCRAINA, LA MEDIAZIONE DEL VATICANO

Tredicesimo giorno di guerra in Ucraina e cresce la paura per l’intensificarsi degli attacchi russi. A dare una svolta al conflitto, infatti, potrebbe essere l’aviazione. Uno strumento devastante già usato da Mosca in Siria ad Aleppo. Vladimir Putin sarebbe intenzionato ad attaccare le città ucraine con bombardamenti a tappeto. Intanto, sono previste nuove sanzioni contro la Russia da parte degli Stati Uniti. Tra queste, lo stop alle importazioni di petrolio. Il divieto includerebbe anche il gas naturale liquefatto e il carbone. Un barlume di speranza potrebbe arrivare dalla Santa Sede: come confermato dal segretario di Stato Vaticano, cardinale Parolin, il Papa sarebbe disposto a mediare tra le parti per raggiungere il cessate il fuoco. Lo stesso Parolin questa mattina ha avuto un colloqui telefonici con il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov.

ISTAT, IL 7,5% DELLE FAMIGLIE IN POVERTÀ ASSOLUTA

Le famiglie in povertà assoluta in Italia nel 2021 sono state il 7,5% del totale, in lieve calo rispetto al 2020. Sono poveri quasi sei milioni di italiani. A rivelarlo è l’Istat che ha diffuso le stime preliminari sulla povertà assoluta e sulle spese per consumi delle famiglie. Si assiste alla sostanziale stabilità della povertà assoluta nonostante “una marcata ripresa della spesa per consumi”. Nel Mezzogiorno si confermano le incidenze di povertà più elevate sia per gli individui che per le famiglie, con 195mila poveri in più rispetto al 2020. Bene il Nord.

MATTARELLA, IL PRIMO PENSIERO ALLE DONNE UCRAINE

Bisogna fermare la deriva della guerra. E’ in gioco la civilta’ europea. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella richiama a “un piu’ forte impegno per la pace, perche’ si ritirino le forze di occupazione e si fermino le armi”. Il capo dello Stato e’ intervenuto sulla crisi ucraina nel corso della celebrazione al Quirinale della Giornata internazionale della donna. “La crescita del ruolo delle donne in tutti gli ambiti e’ una condizione per lo sviluppo del nostro Paese”, ha detto Mattarella che ha rivolto il primo pensiero di questo 8 marzo alle donne ucraine. “Madri, lavoratrici, giovani, colpite da una violenza inattesa, crudele, assurda”, ha detto Mattarella. Il presidente della Camera Roberto Fico ha ribadito l’impegno del Parlamento e delle altre Istituzioni a fare tutto il necessario per mettere fine alle persistenti situazioni di diseguaglianza che mortificano e ledono la dignità delle donne.

POLEMICHE SU SALVINI IN POLONIA

Contrattempo per Matteo Salvini in ‘missione’ in Polonia per contribuire all’accoglienza dei profughi. Durante un punto stampa con il sindaco della cittadina ospitante, a pochi passi dal confine con l’Ucraina, il leader della Lega è stato contestato. Il sindaco ha mostrato la maglietta con il volto di Vladimir Putin e ha detto a Salvini: “Io non la ricevo. Venga con me al confine a condannare Putin”. L’episodio e’ stato condannato dal centrosinistra. Matteo Renzi ha invitato Salvini a evitare “pagliacciate e tornare a casa”. Salvini ha risposto invitando l’ex sindaco di Firenze a dare una mano per salvare i bimbi.

PAPA: CRISTIANI PROMUOVANO DIFESA DELLA VITA

“Di fronte alle nuove sfide che presenta la bioetica, preghiamo affinché i cristiani promuovano la difesa della vita”. È l’appello lanciato dal Papa, attraverso la Rete Mondiale di Preghiera. “Dare una risposta cristiana alle sfide della bioetica”: è questa, per Francesco, la sfida da raccogliere, a partire dalla consapevolezza che “la scienza è progredita e oggi la bioetica ci presenta una serie di problemi a cui dobbiamo rispondere: non possiamo nascondere la testa nella sabbia come lo struzzo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-08T17:47:27+01:00