In Basilicata i papà tornano in sala parto

Lo ha annunciato oggi l'azienda ospedaliera regionale San Carlo di Potenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Le mamme non saranno più sole nel momento del parto. Da oggi, in tutti gli ospedali della Basilicata, è ripristinato l’accesso nelle sale parto ai papà o agli accompagnatori, dopo che lo stesso era stato limitato alle sole partorienti e al personale medico, quale ulteriore misura per contenere la diffusione della malattia pandemica e fronteggiare l’emergenza sanitaria. Lo ha annunciato oggi l’azienda ospedaliera regionale San Carlo di Potenza.

L’accesso alle sale parto ai papà o a un accompagnatore scelto dalla futura mamma, dovrà essere sottoposto a screening e protetto. “Consapevoli che il parto è un momento straordinario nella vita delle mamme – ha detto il direttore dell’azienda ospedaliera, Giuseppe Spera – la presenza dei papà in sala parto rappresenta una procedura scevra da rischi se ben condotta. L’accesso in sala travaglio sarà consentito ad un unico accompagnatore o accompagnatrice che potrà accedere solo a seguito dei controlli mirati alla sicurezza dei pazienti e operatori. Al personale tutto è demandato il compito di sorvegliare tutte le fasi del percorso di assistenza, dal momento del triage fino al post-partum, a tutela della salute delle future mamme, dei lori bimbi e di tutti gli operatori sanitari stessi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»