In Friuli Venezia Giulia sette nuovi beni tutelati dal Ministero della Cultura

parete commemorativa ai Caduti del Primo e Quarto Stormo Caccia Gorizia
Il provvedimento di tutela va ad affiancare quello già emesso nel settembre 2020 per il sito storico dell'aeroporto nel suo complesso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Sono sette i nuovi beni tutelati in Friuli Venezia Giulia dal Ministero della Cultura, emersi a conclusione della Commissione regionale del Patrimonio culturale riunita il 3 marzo al Segretariato regionale del ministero della Cultura per il Friuli Venezia Giulia a Trieste. Nel dettaglio sono il Monumento al Duca d’Aosta e la parete commemorativa ai Caduti del Primo e Quarto Stormo Caccia a Gorizia, la Chiesa di San Canciano Martire a Mereto di Tomba in provincia di Udine, la Chiesa di San Lorenzo Martire e Campanile a Manzano in provincia di Udine, il Complesso dell’Opera di San Giuseppe a Trieste, le ex Case Ferrovieri di via Udine a Trieste, un edificio di via Sant’Ireneo della Croce 4 e uno in via Udine, entrambi a Trieste.

Alla seduta, presieduta dal segretario regionale Roberto Cassanelli, hanno partecipato il soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia Simonetta Bonomi, il soprintendente archivistico Luca Caburlotto e il direttore regionale Musei FVG Andreina Contessa. La commissione ha espresso soddisfazione per l’esito positivo della verifica del Monumento al Duca d’Aosta e della Parete commemorativa ai Caduti. Il provvedimento di tutela va ad affiancare quello già emesso nel settembre 2020 per il sito storico dell’aeroporto nel suo complesso.

LEGGI ANCHE: Covid, Friuli Venezia Giulia e Veneto arancioni. La Campania è zona rossa

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»