All’Unicusano i consigli per entrare nel mondo del lavoro

ROMA - Come scrivere un curriculum, come affrontare un colloquio, come entrare nel mondo del lavoro senza esperienza:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Come scrivere un curriculum, come affrontare un colloquio, come entrare nel mondo del lavoro senza esperienza: su queste e altre tematiche si è concentrato il seminario ‘Come entrare nel mondo del lavoro’, reso possibile dagli ‘Amici Unicusano’ e organizzato dall’Università Niccolò Cusano nell’aula magna della sede di Roma dell’ateneo.

Durante il seminario si è svolta la presentazione dell’ufficio di Stage e Job placement Unicusano, un servizio che segue e supporta gli studenti durante la delicata fase post universitaria: la ricerca di un lavoro o di un tirocinio formativo finalizzata ad acquisire esperienza.


“Crediamo che il ruolo di un ateneo non sia solo quello di preparare gli studenti dal punto di vista didattico- ha dichiarato, all’agenzia di stampa Dire, Gianluca Fabi, responsabile Comunicazione dell’Università Niccolò Cusano, a margine del seminario- ma anche quello di creare opportunità per fare il proprio ingresso nel mondo del lavoro. Lo facciamo attraverso l’ufficio Job placement dedicato proprio a questo. Un ufficio a cui si rivolgono le imprese per cercare profili confacenti alle caratteristiche aziendali”. C’era una platea piena a seguire l’intervento di Alessandro Amadori che, oltre ad essere un noto psicologo, saggista e sondaggista italiano, è anche l’autore del libro ‘Come preparare un curriculum vincente’. “La cosa essenziale è avere le idee chiare su chi siamo, che cosa andiamo ad offrire, che cosa vorremmo fare e quindi, di conseguenza, chi o cosa andiamo a cercare” ha dichiarato Amadori all’agenzia di stampa Dire dopo il seminario. “Il principale errore dei candidati- ha spiegato- è proprio quello di non aver approfondito abbastanza l’analisi di se stessi e quindi non avere le idee chiare su quale possa essere il valore aggiunto che possiamo portare. La parola chiave è motivazione, arrivare al colloquio non tanto esibendo una serie di titoli o competenze, quanto dimostrare di essere candidati fortemente motivati a prendere quel posto di lavoro”.


Numerosi i temi e gli argomenti oggetto di approfondimento, tra cui tanti suggerimenti per sbaragliare la concorrenza in fase di selezione e tanti consigli per entrare nel mondo del lavoro più facilmente. Nel corso del seminario sono stati trattati i seguenti punti: – Le nuove dinamiche del mondo del lavoro e i cambiamenti futuri; – Cosa e come cercano le aziende; – Proporsi alle aziende attraverso il ‘personal marketing’; – Come fare ‘scouting’ per cercare un impiego; – Importanza del curriculum vitae: dalla stesura all’aggiornamento costante; – Inserimento di un cv all’interno di un database con accompagnamento di un messaggio di testo; – Dinamiche di una prova di selezione: test psicologici, colloqui individuali e di gruppo; – Approfondimenti sul colloquio di selezione; – Simulazione pratica di un colloquio di lavoro; – Le nuove tecnologie e il ruolo dei social media nella ricerca di un lavoro. E proprio sull’uso dei social Amadori, in conclusione, ha sottolineato come “spesso noi proiettiamo attraverso i social un’immagine poco realistica: troppo ottimista o troppo sociale, troppo allegra o troppo introversa. Bisogna stare molto attenti a usare i social come strumento per presentarsi al mercato, perché i social tendono a rappresentarci in modo iperbolico“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»