Mattarella: “Le donne danno alla società più di quanto ricevono in cambio”

Il femminicidoo è "un emergenza sociale tragica e inquietante"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – La “metà dell’Italia”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parla delle donne durante la cerimonia al Quirinale per la Celebrazione dell’8 marzo. “Accogliendo voi al Quirinale- aggiunge- intendo accogliere la passione, le fatiche, i sogni, le amarezze e la gioia di tutte le donne italiane” che si adoperano con “faticosa azione” in favore di una società più equa, più accogliente, più solidale e più integrata”.

Il capo dello Stato sottolinea che quello femminile “è un impegno il più delle volte silenzioso, che si svolge lontano dai riflettori, tra molti ostacoli, alcune incomprensioni e persino qualche pregiudizio che resiste contro ogni evidenza”. Le donne, continua Mattarella, “danno alla società più di quanto ricevono in cambio” e “ciononostante, quella delle donne è un’azione tenace, risoluta e paziente e, molto spesso, coraggiosa”. Il presidente sottolinea che “coraggio, tenacia, pazienza e lungimiranza sono le caratteristiche necessarie per costruire la pace” e “le donne le possiedono”. Per Mattarella “promuovere e difendere le donne, i loro diritti, la loro tutela, il loro lavoro, il loro inserimento nei processi decisionali significa aprire, concretamente, prospettive di pace”.

“LA VOCE DELLE DONNE SIA FORTE E COMPATTA”

“La voce delle donne spaventa i violenti, perché evoca ed esprime pace”, dice Mattarella, durante la cerimonia al Quirinale per la Celebrazione della Giornata della Donna, ricordando Malala Yousafzai, Nobel a soli 17 anni per il suo impegno a favore dell’Istruzione dei bambini e delle donne e per la sua lotta contro il fanatismo religiosa.

Quella di Malala, aggiunge il capo dello Stato, “è una voce che dovrebbe essere amplificata, sostenuta e più ascoltata. Si tratta di un appello da rivolgere soprattutto all’altra metà della popolazione italiana, quella maschile. Anche gli uomini devono sapersi mettere in discussione, rinunciare a ogni forma di riserva mentale. E soprattutto dobbiamo fornire un appoggio reale e incondizionato, nella lotta alle diseguaglianze, ai pregiudizi, alle discriminazioni e, a maggior ragione, quando si manifestano sopraffazione e violenza”. “L’augurio che rivolgo oggi a tutte le donne italiane- conclude Mattarella- è che la loro voce sia forte, compatta e ascoltata, nei quartieri, nelle città e nei palazzi delle istituzioni. È una voce autorevole e credibile, che non ha bisogno di alzare i toni, anche se alzarli, in alcuni casi, diventa l’unico modo per farsi sentire”.

“FEMMINICIDIO EMERGENZA SOCIALE”

Violenza sessuale e violenza domestica sono “piaghe che rischiano di corrodere dall’interno Paesi e società” così come “razzismo, criminalità, emarginazione, miseria”, e “donne e bambini pagano il prezzo più alto”, commenta Mattarella.

“Assume grande significato, a questo riguardo- aggiunge il capo dello Stato- l’approvazione alla Camera, all’unanimità, del provvedimento che assicura un futuro di dignità e speranza ai figli delle donne uccise dai propri compagni o ex compagni. È un emergenza sociale tragica e inquietante. Mi auguro che si possa giungere rapidamente a una approvazione definitiva di questa” legge. Secondo Mattarella, “per quei bambini e ragazzi, che vedono attraversata e sconvolta la propria vita dalla doppia penosissima condizione di avere la madre uccisa e il padre in prigione, vi è l’urgenza di moltiplicare le attenzioni, e le cure, da parte della società e delle istituzioni”.

“PREGIUDIZI SU DONNE NEGANO PARI RETRIBUZIONI E CARRIERA”

“Le donne costituiscono un serbatoio di saggezza, di generosità, di attitudine a smussare conflitti e respingere la violenza. Anche per questo dobbiamo impegnarci di più per promuovere il lavoro e la partecipazione femminile, in tutti i settori”, auspica il capo dello Stato.

“Dobbiamo garantire alle donne- aggiunge-, la piena compatibilità tra la cura della famiglia, che è una funzione essenziale per lo sviluppo ordinato di un Paese, e l’attività professionale. Abbiamo l’obbligo, ma anche un reale interesse, a rimuovere tutti gli ostacoli di natura economica, sociale e, purtroppo, di abito mentale che ancora impediscono a tante donne di raggiungere livelli apicali e parità di retribuzioni“. Per Mattarella, “è ormai acquisito- ma è sempre stato evidente- che il lavoro femminile, la crescita democratica, l’educazione dei figli, sono fattori decisivi non solo per la tenuta sociale di una società ma anche per il suo sviluppo economico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»