Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Brevetti, in dirittura d’arrivo accordo tra Ufficio del Titano e Epo

SAN MARINO - In dirittura d'arrivo l'accordo di cooperazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1132172120_0P

SAN MARINO – In dirittura d’arrivo l’accordo di cooperazione bilaterale tra l’Ufficio di Stato Brevetti e marchi e l’European patent office. Il segretario per l’Industria Marco Arzilli e il direttore dell’Usbm Silvia Rossi hanno ricevuto il direttore della Cooperazione con Stati membri dell’Epo, Carlo Pandolfi, e il funzionario della sezione Cooperazione Europea dell’Epo, Hermann Zaaiman. I due rappresentanti dell’Epo, spiega una nota di Palazzo Mercuri, sono stati sul Titano “per un confronto sull’accordo di cooperazione bilaterale tra l’Usbm e l’Epo, che verrà siglato entro il mese di marzo”. L’accordo garantirà all’ufficio sammarinese l’appoggio dell’organizzazione europea in materia non solo di normative, ma “anche- prosegue il testo- di informatizzazione e rapidità dei processi”. Recentemente il direttore Rossi aveva anticipato, alla luce del trend di crescita dei depositi, l’esigenza di un potenziamento dell’ufficio, non solo in termini di personale ma anche di informatizzazione: su questa strada, assicura Palazzo Mercuri, si muoverà la cooperazione con l’Epo. Nel corso dell’incontro, il funzionario per la Cooperazione Europea di Epo, Hermann Zaaiman ha sottolineato l’importanza dell’investire nella formazione e nello sviluppo di sistemi informatici comuni. “Molti piccoli Paesi- ha continuato- hanno investito nel settore della ricerca e dello sviluppo che dà grandi ritorni anche nel settore della proprietà intellettuale”. La visita dei rappresentanti di Epo è stata molto importante per il segretario di Stato Arzilli, perché “conferma ancora una volta che la scelta del nostro paese di puntare su ricerca e innovazione è quella giusta”. A ciò si aggiungerà l’accordo di cooperazione, che “firmeremo a breve- assicura Arzilli- e sarà un ulteriore passo in avanti per il nostro ufficio“.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»