Pizza, in Asia raccolte 150mila firme per la petizione Unesco

ROMA - In Giappone, Corea, Taiwan, Filippine e Cina il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pizzaROMA – In Giappone, Corea, Taiwan, Filippine e Cina il team di Salvatore Cuomo, ambasciatore e pioniere della pizza napoletana in Asia, ha raccolto 150mila firme a sostegno della candidatura Arte dei pizzaiuoli napoletani nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.

Alle 50mila dell’Argentina e alle altre 50mila di San Paolo del Brasile si aggiungono queste 150mila adesioni raccolte in Asia che portano al raggiungimento di oltre 900mila adesioni.

“La campagna ormai è diventata internazionale – commenta Alfonso Pecoraro Scanio, promotore della petizione e della campagna Arte dei pizzaiuoli napoletani Patrimonio Unesco – e l’hashtag #pizzaUnesco nei giorni scorsi è diventato virale sui social media, #pizza ha raggiunto il primo posto tra i tweet trend. Ora bisognerà intraprendere un’azione globale per convincere i circa 200 Paesi membri dell’UNESCO a votare questa candidatura. Abbiamo superato le 900mila adesioni e a Parigi, il 14 marzo, alla sede mondiale Unesco consegnerò il primo milione di firme con il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, e il Presidente dell’APN, Associazione pizzaiuoli napoletani, Sergio Miccù”.

“Essere in grado di raccogliere 150.000 firme in Giappone – dichiara Salvatore Cuomo – dimostra come l’Arte dei pizzaiuoli napoletani, da ogni angolo del mondo, deve ottenere un riconoscimento unico da parte dell’Unesco. Gli antichi greci usavano mangiare qualcosa di simile alla pizza ma la tecnica è qualcosa di così radicato nella cultura napoletana che tutti attribuiscono un legame tra l’Italia e quest’arte ricoperta con pomodori vesuviani e formaggio ricco di latte. Sono orgoglioso di portare 150.000 firme dal Giappone, Corea del Sud, Taiwan, Filippine e Cina, questa campagna mi ha permesso di spiegare ai miei clienti asiatici che la pizza napoletana e la sua arte è legata al Pizzaiuolo che modella l’impasto”. Il prossimo appuntamento della campagna #pizzaUnesco sarà a Parigi lunedì 14 marzo, dalle 18:30 alle 20:30, alla Caffetteria UNESCO in 7, Place de Fontenoy 75007. La raccolta firme continua nei mercati di Campagna Amica di Coldiretti, nelle pizzerie di tutto il mondo e sulla piattaforma Change.org.

LEGGI ANCHE

La pizza candidata all’Unesco come patrimonio dell’umanità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»