Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

8 marzo, donne divise: da M5s e Lega no alla mozione unitaria

Il documento impegna il governo a superare gli ostacoli che discriminano le donne e a combattere la piaga della violenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Palazzo MontecitorioROMA – Donne divise sulle mozioni che celebrano i 70 anni dalla conquista del diritto di voto. Il Movimento Cinque stelle e la Lega non aderiranno alla mozione unitaria promossa dal Pd, da Sel-si e Forza Italia. Il documento impegna il governo a superare gli ostacoli che discriminano le donne e a combattere la piaga della violenza contro le donne. Ieri l’illustrazione delle mozioni e il tentativo di arrivare a un testo unitario tra tutti i gruppi politici. Oggi la formalizzazione che M5s e Lega presenteranno dei testi a se’ stanti. “Trovo discutibile che non si sia voluto lavorare tutti insieme. E’ un peccato. Credo che sia una scelta che si commenta da sola”, dice la deputata del Pd Chiara Gribaudo, nel corso di conferenza stampa alla Camera.

LEGGI ANCHE: 

Camera ricorda voto alle donne: in Aula solo 11 parlamentari

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»