Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gara di zuppe, quest’anno appuntamento a Bologna il 1° maggio

Torna a Bologna il Gran festival internazionale della zuppa. L'appuntamento è, novità, per l'1 maggio: a partire dalle 15, via Salgari e il parco tra gli orti comunali del Pilastro ospiteranno l’11esima edizione della storica festa di strada
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

zuppe2

BOLOGNA – Torna a Bologna il Gran festival internazionale della zuppa. L’appuntamento è, novità, per l’1 maggio: a partire dalle 15, via Salgari e il parco tra gli orti comunali del Pilastro ospiteranno l’11esima edizione della storica festa di strada “dedicata alla condivisione e contaminazione di ricette e culture, sapori e saperi, all’insegna del ‘diritto alla scarpetta’ (e pentola intera)”, ricordano gli organizzatori. La gara ludico-gastronomica di matrice popolare, è promossa dalle associazioni “Oltre…”, Orti Salgari e Betty and Books, con il patrocinio del quartiere San Donato del Comune di Bologna, e si ripropone come “occasione di incontro e contaminazione, un’opportunità per creare socialità, vivere diversamente lo spazio urbano che finalmente rivela l’incredibile tesoro delle culture che lo compongono”. Il tutto coinvolgendo enti, associazioni, gruppi spontanei di cittadini e artisti di strada riuniti in una rete di soggetti auto-nominati gli “In-Zupppati”.

zuppe3E’ la seconda volta che Festival della zuppa si accasa al Pilastro, forte del sostegno ricevuto lo scorso anno dagli Orti Salgari e dell’accoglienza dagli abitanti. La novità di quest’anno è la data. Solitamente a Bologna le zuppe in gara bollivano in pentola la domenica che precede il 25 aprile, celebrando Liberazione e Costituzione, quest’anno è stata scelta la domenica successiva, l’1 maggio e festa del lavoro. “La zuppa è infatti un piatto comune a tutti i popoli e le culture” e come recitava la ‘Zuppa Costituente’ dell’edizione 2010, “è fondata sul giro del mestolo, ossia sul lavoro”. L’1 maggio inoltre è la data in cui il festival si svolge a Lille, città in cui è nato (nel quartiere multietnico di Wazemmes), prima di diffondersi a Barcellona, Berlino, Cracovia, Francoforte e Bologna.

Attorno al festival della zuppa, inoltre, continuano le iniziative che confermano la sua vocazione internazionale. L’associazione “Oltre…” e la Cooperativa Csapsa 2, con il sostegno dell’Ufficio franco-tedesco Ofaj, hanno lanciato un progetto europeo che permette a ragazzi tra i 14 e i 16 anni di mettere in scena l’Europa utilizzando l’arte teatral-circense come metodo e mezzo di esplorazione. Dopo aver toccato la Francia e la Germania, la loro performance culminerà all’interno del festival della zuppa di Bologna.

zuppe4Come vuole la tradizione, dopo la fase preliminare di accettazione delle zuppe in gara presso lo zuppen-desk, il festival vedrà da un lato schierarsi la creatività degli “zuppanti concorrenti, muniti di pentole di tutte le dimensioni, mestoli, zuppe fumanti e spirito di collaborazione competitiva. Dall’altro lato vedrà l’assalto degli assaggiatori, scodella intorno al collo e cucchiaio alla mano. Il consiglio per questa edizione è di munirsi anche di pane e usufruire del diritto inalienabile di tutti alla ‘scarpetta’.

Attenti alla sostenibilità dell’evento, gli organizzatori “In-Zuppati” consigliano di utilizzare i mezzi pubblici, di portarsi da casa piatti e ciotole da poter riutilizzare, di ridurre al minimo i rifiuti e differenziarli. Come ogni anno, il festival sarà preceduto da una serie di micro eventi chiamati “Zuppa off”: dal 3 aprile stuzzicheranno l’appetito e la curiosità. Per iscriversi alla gara e partecipare come concorrenti è possibile compilare il modulo online www.associazioneoltre.org, inviare una mail con oggetto “M’in-zuppo” a [email protected] o telefonare ai numeri 051-6390743 o 388-6469261 (9 alle 12 e dalle 17 alle 21).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»