Ipotesi Draghi: a scuola fino a fine giugno

A quanto apprende la Dire sarebbe in corso un ragionamento sulla possibilità di prolungare l'anno scolastico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La scuola potrà recuperare una parte del tempo perso in estate, prolungando le lezioni fino a fine giugno. E’ l’ipotesi scaturita nel confronto tra i gruppi parlamentari e Mario Draghi.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Sgarbi: “Scuola? Più importanti musei, ristoranti e turismo”

Il premier incaricato ha sottolineato l’importanza cruciale che riveste la scuola nel programma di governo, ha ricordato che intende porre rimedio al ritardo educativo e al disagio psicologico vissuto dai ragazzi, e si è soffermato sulla necessità di arrivare pronti alla riapertura delle scuole a settembre, sia in termini di prevenzione Covid, che in termini di personale e dotazioni. Ma non solo questo. Quando gli è stato fatto notare che si potrebbe recuperare un po’ del tempo perso già quest’anno, prolungando la fine delle lezioni nel mese di giugno, il premier incaricato, a quanto apprende la Dire, avrebbe risposto che è in corso un ragionamento in tal senso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»