Contro la tratta di persone rete Talitha Kum promuove Twitter storm

giornata contro la tratta
In occasione della VII Giornata mondiale di preghiera e riflessione. Dall'Oceania alle Americhe un momento mondiale condiviso per un'economia senza tratta #PrayAgainstTrafficking
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La rete Talitha Kum, espressione dell’Unione internazionale delle superiori generali (Uisg), ha promosso oggi un “Twitter storm” in occasione della VII Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone.
L’iniziativa è stata possibile grazie alla pubblicazione da parte dei partecipanti di almeno cinque tweet contenti l’hashtag #PrayAgainstTrafficking, nella fascia oraria prevista tra le 12:30 e le 13:15 del fuso orario dell’Europa centrale (Cet).

In un comunicato l’organizzazione propone il testo per alcuni tweet, tra i quali “Oggi è la Giornata mondiale di preghiera contro la tratta. Preghiamo per un’economia che non sia sostenuta dall’illegalità e dallo sfruttamento“, #PrayAgainstTrafficking #EconomiaSenzaTratta” o “Nel giorno di Santa Bakhita, partecipiamo alla maratona online di preghiera contro la tratta. Dall’Oceania alle Americhe un momento mondiale condiviso per un’economia senza tratta #PrayAgainstTrafficking”.

La Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone viene organizzata nell’ambito della Giornata mondiale contro la tratta, che si celebra ogni anno l’8 febbraio, data in cui si ricorda liturgicamente Santa Giuseppina Bakhita, una religiosa sudanese del 19esimo secolo che aveva vissuto l’esperienza della schiavitù, canonizzata nel 2000.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»