Da Confindustria Campania un laboratorio Zero Robotics per l’Istituto Righi di Napoli

scuola distanziamento
"Oggi si fa fatica a mandare un ragazzo a un istituto tecnico, loro e le famiglie non sono fiduciosi" dichiara il presidente Vito Grassi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Questa iniziativa interpreta una collaborazione concreta nel rispetto della differenza dei ruoli tra sistema aziendale e scuola, ma tesa ad un obiettivo comune”.
Così Giovanna Martano, dirigente scolastica dell’Iti Righi di Napoli, nel suo intervento dopo la firma del protocollo d’intesa definito tra Confindustria Campania, l’Ufficio scolastico regionale della Campania e l’Iti Augusto Righi con cui Confindustria Campania si impegna a realizzare un laboratorio Zero Robotics per l’istituto napoletano.
Zero Robotics è una competizione mondiale di robotica aerospaziale organizzata dal Mit di Boston in collaborazione con la Nasa, Aurora e altre agenzie aerospaziali.

“L’Unione industriali Napoli e tutto il sistema campano – spiega Vito Grassi, presidente di Confindustria Campania – fa un lavoro importante con le scuole e con grande piacere si mette a disposizione per questo laboratorio. Oggi si fa fatica – ammette però – a mandare un ragazzo a un istituto tecnico, loro e le famiglie non sono fiduciosi”.
Per Luisa Franzese, direttrice dell’Ufficio scolastico regionale, “l’Iti è una risposta più pronta all’impresa, quello che forse manca è un orientamento ben fatto. L’istituto professionale è una grande scuola se fatta bene, se seguita bene, e questo a volte non viene capito. In un sistema economico servono tutti, non solo avvocati o ingegneri”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»