Covid, Bassetti: “Ministero della Salute in ritardo su varianti”

"I vaccini, tutti quelli che abbiamo a disposizione, sono validi affinché si riducano e si neutralizzino ospedalizzazioni e sviluppo grave della malattia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ci sono numerose varianti, le tre più note sono l’inglese, la brasiliana e la sudafricana. La prima sembra essere neutralizzata correttamente dal vaccino. Mentre le altre due non garantiscono di essere reinfettati né abbiamo certezza che il vaccino abbia efficacia contro di esse. Il tema però è: perché il ministero della Salute non ha spinto a sufficienza per il sequenziamento delle varianti? Sono mesi che ne parliamo, il problema quindi non si pone ora ma si poneva già mesi fa”. Così Matteo Bassetti, direttore di malattie infettive del San Martino di Genova, intervenendo su ‘L’aria che tira’ su La7.

LEGGI ANCHE: Sudafrica, Astrazeneca ‘inefficace’ contro variante: governo blocca vaccinazione

“Ciò che sta succedendo nel nostro Paese è abbastanza surreale- continua Bassetti- non esistono vaccini di serie A o di serie B. C’è stata una cattiva informazione su questo, non dobbiamo confondere il livello di efficacia con la protezione della popolazione. I vaccini, tutti quelli che abbiamo a disposizione, sono validi affinché si riducano e si neutralizzino ospedalizzazioni e sviluppo grave della malattia, in molti casi anche l’insorgere della malattia. Tutti e tre i vaccini nella nostra disponibilità. Pfizer, Moderna e AstraZeneca garantiscono la protezione dalla forma della malattia al 100%”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»