Attivista arrestato in Egitto per terrorismo. L’ong di Patrick Zaky: “Torturato, anche con l’elettroshock”

Eifr: "Chiediamo rilascio, basta con arresti arbitrari e violenze"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Patrick George Zaky è stato picchiato, sottoposto a elettroshock, minacciato e interrogato in merito al suo lavoro e al suo attivismo. I legali ci hanno assicurato che sul corpo mostra segni visibili delle violenze”. Lo ha riferito all’agenzia Dire l’Egyptian initiative for personal rights (Eifr), l’ong per cui il ricercatore egiziano collabora. Zaky, attivista per i diritti umani e di genere, è stato arrestato all’aeroporto internazionale del Cairo nella notte tra giovedì e venerdì, di rientro dall’Italia, dove è iscritto al master in Gender studies dell’Università di Bologna. In una nota diffusa ne pomeriggio, l’associazione, in contatto con gli avvocati del ricercatore, fa sapere che il pubblico ministero di Mansoura ha contestato a Zaky “la pubblicazione di false voci e false notizie che mirano a turbare la pace sociale e seminare il caos; l’istigazione alla protesta senza l’autorizzazione delle autorità competenti allo scopo di minare l’autorità statale; istigazione al rovesciamento dello Stato; la gestione di un account di social media che ha lo scopo di minare l’ordine sociale e la sicurezza pubblica; l’istigazione a commettere violenze e crimini terroristici”.

LEGGI ANCHE

Egitto, un amico di Patrick Zaky: “È accusato di terrorismo”

 

L’associazione egiziana conclude sollecitando “l’immediata liberazione di Patrick George Zaky” e chiede più in generale “la fine degli abusi e della detenzione arbitraria da parte delle istituzioni egiziane nei confronti dei difensori dei diritti umani, di esponenti della società civile e dei giornalisti”. Dall’ottobre 2019, “sei membri di Eipr sono stati temporaneamente trattenuti e interrogati – in un caso anche per due giorni”. Si denuncia infine “arresti e inchieste arbitrarie e completamente illegali, che punterebbero a prendere di mira individui percepiti come politicamente attivi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»