Arrestato in Egitto Patrick Zaky, studente dell’Università di Bologna

Amnesty: "E' attivista dei diritti, ora rischia detenzione e torture"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – E’ stato arrestato all’aeroporto del Cairo giovedì scorso Patrick George Zaky, attivista e ricercatore egiziano di 27 anni. Il giovane era partito da Bologna, dove da alcuni mesi stava frequentando un master in Studi di genere presso l’Università ‘Alma Mater Studiorum’, e ora intendeva trascorrere un breve periodo di vacanza nella sua città natale, Mansoura. Come ha riferito all’agenzia Dire Amnesty International, una volta atterrato, è stato preso in custodia dalla polizia egiziana. La notizia è stata confermata sui social network anche dall’associazione locale Egyptian Initiative for Personal Rights (Eipr), con cui Patrick George Zaky collaborava. Di lui i familiari hanno detto di aver perso ogni notizia da giovedì notte fino a stamani, quando è stato riaccompagnto a casa.

LEGGI L’INTERVISTA A PATRICK ZAKY

Egitto, l’attivista Zaki: “Macché stabile, qui la povertà aumenta”

Dopo l’arresto, infatti al ragazzo non sarebbe stata data la possibilità di contattare né i famigliari né un avvocato. Amnesty, in base alle informazioni ricevute da fonti sia nel capoluogo emiliano che al Cairo, riferisce che Zaky è stato arrestato per un ordine di cattura spiccato nel 2019, di cui lui però non era a conoscenza. Ignoti anche i capi d’accusa contestati. Lo studente, stando alle stesse fonti, durante l’interrogatorio potrebbe aver subito torture, tra cui l’electroshock.

L’Agenzia Dire aveva contattato in passato Patrick Zaky in merito all’ondata di arresti che negli ultimi anni si stanno registrando nel Paese, e che colpiscono attivisti per i diritti umani, oppositori politici, giornalisti e perfino gli avvocati che si occupano di seguire questo genere di casi. Nel 2018 l’attivista aveva detto: “L’Egitto non è affatto un Paese stabile, ne’ dal punto di vista socio-economico ne’ delle libertà fondamentali. La gente non trova lavoro, il costo della vita continua ad aumentare e il governo fa di tutto per limitare gli spazi del dissenso”. L’associazione con cui il giovane collabora “si batte per i nostri attivisti, ma anche per Giulio Regeni”. “Condanniamo l’arresto di un attivista per i diritti umani, che ora rischia un periodo di lunga detenzione e torture” ha dichiarato alla Dire Riccardo Noury, portavoce di Amnesty.

“MASSIMA ATTENZIONE” DALL’UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SULL’ARRESTO DI ZAKY

L’arresto di Patrick George Zaky è un fulmine improvviso per l’Università di Bologna, dove lo studente egiziano frequenta il master Gemma (studi di genere). C’è la “massima attenzione” per la vicenda, sulla quale per il momento però l’ateneo sta ancora raccogliendo le informazioni del caso. Lo studente “non era là per un incarico dell’Università- si conferma- perché in quel caso l’avremmo saputo immediatamente, visto che abbiamo un monitoraggio dei nostri studenti all’estero”. In rettorato si sta insomma lavorando per avere un quadro più chiaro, prima di qualsiasi valutazione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»