Coronavirus, trasferita in via precauzionale allo Spallanzani una dei 56 rimpatriati da Whuan

In buone condizioni l'italiano ricoverato, la coppia di cinesi ancora in terapia intensiva
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tra i 56 rimpatriati da Whuan, una donna con sola congiuntivite, sebbene negativa al test di nuovo coronavirus 2019-nCoV, è stata trasferita, a titolo precauzionale, all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma per ulteriori accertamenti. Lo comunica il Ministero della Salute.

CORONAVIRUS, SPALLANZANI: “L’ITALIANO RICOVERATO E’ IN BUONE CONDIZIONI”

Il cittadino italiano di sesso maschile trasferito 2 giorni fa dalla struttura dedicata della Città Militare della Cecchignola, con infezione confermata da nuovo coronavirus, è in buone condizioni generali con quadro clinico invariato; persiste lieve febbricola e iperemia congiuntivale in fase di risoluzione. Il paziente ha iniziato terapia antivirale. Il giovane, originario di Luzzara, è assolutamente sereno, mantiene costanti contatti con la sua famiglia e con gli amici e continua il suo lavoro di recercatore. E’ quanto si legge nel bollettino medico dell’Istituto Spallanzani di Roma diffuso dalla Regione Lazio.

LEGGI ANCHE

Coronavirus? “L’Africa lotta e resiste”

L’italiano contagiato dal coronavirus ha lieve febbre e congiuntivite

Rischio coronavirus, i voli restano chiusi. Zaia insiste: “Speranza valuti misure per le scuole”

SPALLANZANI: “COPPIA CINESI ANCORA IN TERAPIA INTENSIVA”

I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, positivi al test del nuovo coronavirus, sono tutt’ora in terapia intensiva. Le loro condizioni cliniche permangono stabili, con parametri emodinamici invariati. Continua il trattamento antivirale con il farmaco remdesivir. La prognosi è tuttora riservata. Si legge ancora nel bollettino medico dell’Istituto Spallanzani di Roma. “Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione, 48 pazienti sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. Di questi, 34 risultati negativi al test sono stati dimessi. Quattordici pazienti sono tutt’ora ricoverati: 3 sono casi confermati (la coppia cinese attualmente in terapia intensiva e il giovane proveniente dal sito della Cecchignola); 9 sono pazienti sottoposti a test per la ricerca del nuovo coronavirus in attesa di risultato; 2 sono pazienti che, risultati negativi al test per nuovo coronavirus, rimangono comunque ricoverati per altri motivi clinici. Continua la quarantena per le 20 persone che sono state contatti dei due coniugi cinesi attualmente ricoverati nella nostra terapia intensiva. Verranno dati immediati aggiornamenti in caso di ulteriori sviluppi”.

SPERANZA: “GIOVEDÌ RIUNIONE DEI MINISTRI DELLA SALUTE DELL’UE”

Si è svolta questa mattina, alla presenza del ministro Roberto Speranza, la riunione della task force sul Coronavirus 2019-nCov. Si è provveduto a monitorare lo stato di attuazione delle misure adottate. Alla task force Speranza ha annunciato che su richiesta dell’Italia “giovedì 13 febbraio è stata convocata la riunione dei ministri della salute dell’Unione europea”. Lo riferisce una nota.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»