Clima, più fa caldo, più il ghiaccio diventa nero. Pianeta avvisato…

Lo studio di Joseph Cook, microbiologo dell'Università di Sheffield, Inghilterra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://vimeo.com/225119445

BOLOGNA – Paesaggi incontaminati, ghiaccio e neve ovunque, e in apparenza nessuna forma di vita nei dintorni. Questo è quello che ci si immagina quando si pensa alla vita del Polo nord. Ma non per Joseph Cook. Solo a occhio nudo, infatti, le distese sembrano deserte. Per il microbiologo dell’Università di Sheffield, Inghilterra, la superficie ghiacciata dell’Artico è fonte continua di esplorazione e di studio delle forme di vita “micro” come batteri e microbi. Grazie ai quali, spiega, si potrà capire come si sta evolvendo il cambiamento climatico.

Nonostante gli scetticismi sempre più diffusi in materia, infatti, tra gli esperti ormai il fenomeno è conclamato e ora le risposte che cerca la scienza vertono su come e cosa analizzare per studiarne l’andamento futuro. La risposta, secondo Cook, si trova appunto negli strati di ghiaccio da lui analizzati, e non è positiva: man mano che il riscaldamento globale aumenta, spiega il ricercatore durante un seminario organizzato dall’Università di Bologna, le forme di vita all’interno aumentano, facendo proliferare i microrganismi e rendendo il ghiaccio di un colore più scuro. Effetto, questo, che porta all’accelerazione del processo di scioglimento del ghiaccio e conseguentemente dell’innalzamento del livello del mare. Lo studio è ancora in corso e permetterà, forse, di scoprire cosa potrà fare l’uomo per arginare il fenomeno. Il lavoro di Cook, basato principalmente in Groenlandia è documentato sul suo sito e sarà raccontato in un documentario in uscita il prossimo 9 marzo.



Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»