Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da Regione contributo straordinario per l’Appennino e le sue piste da sci

appennino_motagne_colline3
BOLOGNA - Un impegno a valorizzare il distretto turistico dell'Appennino dell'Emilia-Romagna e risorse aggiuntive per sostenere le stazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Un impegno a valorizzare il distretto turistico dell’Appennino dell’Emilia-Romagna e risorse aggiuntive per sostenere le stazioni invernali e il sistema sciistico. È quanto emerso nell’incontro di oggi in Regione tra il presidente Stefano Bonaccini, l’assessore al Turismo Andrea Corsini e i rappresentanti regionali di Federfuni, l’associazione delle aziende e degli enti proprietari ed esercenti il trasporto a fune in concessione.
Nella riunione, fa sapere viale Aldo Moro, si è fatto “il punto sulla stagione invernale e sui problemi che, in un quadro complessivamente positivo, stanno interessando il distretto”. Problemi dovuti “soprattutto delle condizioni climatiche di questo inverno, caratterizzato dalla mancanza di neve e da temperature alte che hanno finora impedito l’innevamento artificiale delle piste da sci”. La giunta si è quindi impegnata a “valorizzare ancor di più il distretto dell’Appennino, nell’ambito della nuova legge regionale sul turismo, e a stanziare ulteriori risorse”.

In particolare, la prossima manovra di assestamento prevederà “un contributo straordinario aggiuntivo rispetto agli oltre 1,9 milioni di euro già stanziati nel bilancio 2016 per la qualificazione delle stazioni invernali e del sistema sciistico”. La Regione, inoltre, “verificherà con il Governo le condizioni per attuare anche misure nazionali di rifinanziamento della legge 166 del 2002, che prevede risorse per gli impianti di risalita nelle Regioni a statuto ordinario”.

di Andrea Mari, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»