Metro C, Sindacati: “500 posti a rischio con lo stop ai cantieri”

I lavoratori e i sindacati dell’edilizia Feneal Uil di Roma, Filca Cisl di Roma e Fillea Cgil di Roma e del Lazio incontrano la stampa per denunciare, con numeri e dati, "il completo fallimento della mobilità capitolina ed illustrare le proprie proposte e le prossime azioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

metro c_sindacati

ROMA – Oggi alle 12, davanti ai cancelli del campo base della Metro C, in via dei Gordiani, i lavoratori e i sindacati dell’edilizia Feneal Uil di Roma, Filca Cisl di Roma e Fillea Cgil di Roma e del Lazio incontrano la stampa per denunciare, con numeri e dati, “il completo fallimento della mobilità capitolina ed illustrare le proprie proposte e le prossime azioni“.

“Nonostante i disagi sopportati negli anni dai cittadini e lo scandaloso esborso di denaro pubblico- si legge in una loro nota- la metro C rischia di rimanere l’ennesima opera incompiuta capitolina. Con l’apertura delle procedure di mobilità (licenziamento per tutti) il Consorzio ha ufficializzato la chiusura dei cantieri: la metro C si fermerà forse a San Giovanni (stazione non ancora completata), e non vi sarà alcun prolungamento fino ai Fori Imperiali. Un’opera monca, dunque inservibile. Cinquecento i posti di lavoro a rischio, che si aggiungerebbero agli oltre 27.000 già bruciati in edilizia a Roma e provincia negli ultimi tre anni. Inoltre sono fermi anche i lavori per la costruzione della metropolitana B2. Una mobilità bloccata, con cui la politica ambisce a candidare la città alle Olimpiadi 2024. Una mobilità ferma al palo, che penalizza l’economia, la competitività, l’ambiente e la vivibilità. Roma, i lavoratori e la cittadinanza non lo meritano”.

L’opera deve andare avanti, i lavori riprendano. Chiediamo al prefetto Franco Gabrielli di incontrare il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, per capire cosa intende fare per la linea C”. È quanto ha annunciato Raffaele Galisai della Cisl-Filca, nel corso di una conferenza stampa organizzata da Cgil-Fillea, Uil-Feneal e Cisl-Filca per fare il punto sui cantieri della linea C, bloccati dal consorzio Metro C spa a seguito di alcuni mancati pagamenti da parte degli enti finanziatori. Gli stessi sindacati, tramite una lettera, hanno poi chiesto un incontro allo stesso Gabrielli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»