Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giochi rotti, silenzi e scenate. Una psicologa di Bologna prova a spiegare perchè i bambini si arrabbiano

BOLOGNA - Leonardo fa una scenata al giorno. Alessia si vergogna di essere così irascibile. Max invece con
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Leonardo fa una scenata al giorno. Alessia si vergogna di essere così irascibile. Max invece con la mamma non parla. Età diverse, famiglie diverse, ma il problema è sempre lo stesso: la rabbia. Che i bambini esprimono come possono, e gli adulti a volte fanno fatica a decifrare. Una giovane psicologa e psicoterapeuta di Bologna, Francesca Broccoli, che per lavoro si è trovata a studiare diversi casi, ha deciso di raccogliere la sua esperienza in un libro per aiutare i genitori ad affrontare questo problema.

rabbia_bambini

Si intitola “Lascia che si arrabbi. Capire e affrontare la rabbia di tuo figlio dai tre ai 13 anni“. Capire ma anche affrontare: “Reprimere non serve- spiega la psicologa- dobbiamo accompagnare i nostri figli a capire chi è la ‘signora Rabbia’ e da dove viene. Perché conoscerla è il miglior modo per mandarla via”. Il manuale, in cui abbondano esempi concreti, uscirà in libreria domani, 9 febbraio per la Sperling&Kupfer edizioni, ma si può comprare anche online. Ha l’obiettivo di aiutare i genitori a comprendere il punto di vista dei piccoli e a comunicare con loro in modo semplice e rassicurante.

Sono tante le manifestazioni con cui una mamma o un papà possono trovarsi a fare i conti: giochi scagliati a terra con violenza, per esempio, o a volte distrutti. Ma ci sono anche bambini che si sfogano urlando, facendo gesti aggressivi oppure mettendosi a correre forsennatamente senza una meta. “La rabbia è solo un contenitore, attraverso il quale i bambini comunicano paura, ansia o un momento di angoscia.

francesca_broccoliSpesso dietro la rabbia c’è un problema più grande, tavolta di origine traumatica. Ecco perchè la cosa importante è capire cosa ci vuole comunicare il bambino, non punirlo e basta“, dice ancora Broccoli. Il libro prende spunto da una serie di casi che la psicologa ha studiato nel suo lavoro ma non solo: lo scorso anno, infatti, vista la frequenza con cui questo tema ricorreva nel suo lavoro, ha organizzato alcuni cicli di incontri pubblici, tra Bologna e provincia, dedicati a mamme e papà che volevano saperne di più sulla “rabbia” e capire come aiutare i genitori alle prese con situazioni non sempre semplici. Gli incontri sono serviti a Broccoli per raccogliere una serie di spunti e riflessioni poi confluiti nel volume.

di Marcella Piretti, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»