Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ad Agrigento deturpata la Scala dei Turchi con polvere rossa

scala_dei_turchi_tosca
Musumeci: "Condanniamo gli autori di tale gesto vigliacco"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Deturpata la scogliera di marna bianca di Scala dei Turchi, a Realmonte, in provincia di Agrigento. Ignoti nella notte hanno gettato polvere di intonaco di colore rosso sulla marna. “La splendida scogliera è stata deturpata vergognosamente – afferma il governatore siciliano Nello Musumeci. Condanniamo gli autori di tale gesto vigliacco, che costituisce oltraggio non solo ad un bene paesaggistico di rara bellezza, ma anche all’immagine della nostra Isola. Mi auguro che la magistratura possa giungere velocemente all’identificazione dei responsabili”. Musumeci ha poi sottolineato come “il governo regionale, attraverso l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico e la Protezione civile, sia impegnato da qualche anno, assieme ad altre istituzioni, nella tutela e nella salvaguardia dell’integrità di questo meraviglioso angolo della Sicilia”.

Gli operai comunali sono al lavoro per cercare di ripulire la scogliera di marna bianca. Nel frattempo i carabinieri stanno acquisendo le immagini delle varie telecamere di sicurezza della zona per identificare i responsabili. “Quello che è accaduto oggi è di una gravità inaudita”, dice la delegazione di Agrigento dell’associazione ambientalista Mareamico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»