Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Conte propone il patto di legislatura: “Definiamo priorità fino al 2023”

giuseppe conte
Il presidente del Consiglio ha annunciato un documento in cui rilancerà il patto di legislatura con gli alleati di governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente del consiglio Giuseppe Conte accoglie l’invito del segretario Pd Nicola Zingaretti a proporre un patto di legislatura da qui al 2023. “E’ tempo di definire una lista di priorità per la restante parte della legislatura”, avrebbe detto Conte a quanto apprende l’agenzia Dire.

“Il Recovery non è lo strumento per definire tutte le questioni poste sui tavoli di confronto della maggioranza. Anche perché vi sono interventi che non possono essere finanziati così. Nei prossimi giorni vi inviterò al confronto per concordare una lista di priorità per la restante parte della legislatura“, ha detto il premier Giuseppe Conte al vertice di maggioranza. Conte ha poi annunciato un documento in cui rilancerà il patto di legislatura con gli alleati di governo, stilato dopo aver consultato le forze politiche sulle priorità da qui al 2023. 

RENZI: “CONTE O NO, MA BASTA STARE FERMI”

“Io vorrei un governo, Conte o non Conte, che dia agli italiani il senso dell’urgenza di fare le cose. Questo governo a me sembra fermo”. Così ha detto Matto Renzi a Stasera Italia su Rete 4. “Il nuovo patto fino a fine legislatura? Io spererei che tornasse un po’ di buon senso. A Conte ho detto a novembre che noi ci siamo. Ma non basta essere contro Salvini”, aggiunge Renzi. “Se devo stare in maggioranza per non fare niente, preferisco stare all’opposizione. Sì. Se devo stare a schiacciare tasti sì, preferisco stare all’opposizione. Se ci fanno lavorare, ci siamo. Se pero’ siamo cosi’ antipatici che non possiamo essere ascoltati, che allora si tengano le poltrone”,

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»