La Bolivia lancia il decennio delle lingue indigene

Bolivia
L'obiettivo dalla deputata Martha Ruiz è quello di salvare le lingue native dall'estinzione, facendo squadra con i paesi della regione latinoamericana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Salvare le lingue native dall’estinzione facendo squadra con i paesi della regione latinoamericana: questo l’obiettivo dalla deputata della Bolivia, Martha Ruiz, che ha annunciato la creazione dell’Istituto iberoamericano di lingue indigene (Iili).

Questa nuova realtà vuole essere protagonista del “decennio delle lingue indigene“, nel periodo 2022-2032, per permettere agli Stati del continente di studiare, approfondire e in alcuni casi, salvare dalla scomparsa il patrimonio delle lingue native. I ricercatori hanno contato decine di famiglie linguistiche e centinaia di lingue diverse – almeno 448 quelle classificate – molte delle quali rischiano di scomparire, dato che appartengono a comunità piccole o isolate. I giovani, trasferendosi altrove per cercare migliori opportunità di vita, sostituiscono con lo spagnolo o il portoghese la lingua madre, che viene perduta. Il rischio che tali idiomi scompaiano senza che nessuno le abbia accuratamente studiate quindi è concreto.

Nel 2016, proprio per sensibilizzare su questo tema e per recuperare il valore delle lingue come veicoli culturali e identitari, L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (Unesco) ha dichiarato il 2019 Anno internazionale delle lingue indigene. Un appuntamento che la Bolivia sente di aver mancato per difficoltà interne e poi, a fine anno, per gli sconvolgimenti politici che hanno condotto alla creazione di un governo di transizione. Ora, ha assicurato Ruiz, il governo del presidente eletto a novembre scorso, Luis Arce, vuole riprendere le file di quell’impegno, ponendosi come coordinatore tra i diversi Paesi dell’America Latina.

LEGGI ANCHE: In Bolivia una quechua diventa ministra contro colonialismo e patriarcato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»