Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gli operatori dell’ospizio rifiutano il vaccino. Il sindaco a Conte: “Che faccio?”

vaccino analisi laboratorio
Nella casa di riposo per anziani Camilla Spighi, gestita dal Comune di Bagno di Romagna, solo 19 dei 37 operatori della struttura si sono immunizzati contro il Covid, mentre gli altri 16 hanno rifiutato. E allora il primo cittadino Marco Baccini chiede 'aiuto' direttamente al premier
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Nella casa di riposo per anziani Camilla Spighi, gestita dal Comune di Bagno di Romagna (in provincia di Forlì-Cesena) solo 19 dei 37 operatori della struttura si sono vaccinati contro il Covid. Gli altri 16 hanno per ora rifiutato l’immunizzazione. E allora il sindaco di Bagno di Romagna, Marco Baccini, chiede ‘aiuto’ direttamente al premier. È infatti a Giuseppe Conte e al ministro della Salute, Roberto Speranza, che il primo cittadino scrive per segnalare questo “problema gravissimo”. Perché, spiega, “una percentuale così elevata di operatori che hanno rifiutato il vaccino ha lasciato tutti molto scossi, Perplessi e impauriti per la garanzia del servizio svolto dalla struttura a tutela degli ospiti, dei familiari, dei colleghi che non possono sottoporsi al vaccino, nonché per le ripercussioni e le responsabilità che ne possono derivare in capo all’Ente nell’ipotesi di scenari negativi, che non sono da escludere”. La lettera è stata spedita anche al prefetto di Forlì-Cesena, Antonio Corona, al presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e all’assessore alla Sanità dell’Emilia-Romagna, e pone direttamente il ‘problema’ della obbligatorietà (mancante) del vaccino.

LEGGI ANCHE: Bonaccini: “Emilia-Romagna verso la zona arancione, ma stiamo facendo bene”

“Il carattere facoltativo del vaccino consente di esprimere legittimamente il rifiuto, ma espone le strutture di gestione di servizi socio-sanitari e le Istituzioni a gravi responsabilità, che non possono dipendere da scelte individuali”, scrive Baccini. E segnala che né “la sospensione dalle mansioni lavorative”, né “il collocamento in aspettativa dei lavoratori o addirittura il licenziamento” sono soluzioni per via delle “ripercussioni sul funzionamento dei servizi nonché per il maggior carico di spesa pubblica connesso al reclutamento di sostituti e per le inefficienze connesse”. Per cui il sindaco domanda a Conte: come facciamo?

LEGGI ANCHE: Vaccino, Arcuri: “Entro fine marzo 5,9 mln di somministrazioni, 21,5 entro maggio”

Baccini chiede espressamente un’indicazione su come affrontare la situazione nella Cra Camilla Spighi per garantirne la sicurezza “e preservare quanto più possibile il lavoro di tutti i dipendenti, escludendo -se possibile- azioni drastiche, che non vorrei essere costretto ad assumere”. Più in generale, Baccini chiede al Governo cosa intenda fare “per superare un vuoto informativo e normativo che crea problemi gravi, imminenti e concreti ai livelli locali, con conseguenti assunzioni di responsabilità in capo a sindaci ed amministratori nell’affrontare la gestione di un piano di uscita dalla pandemia, che non può essere lasciato ad iniziative individuali”. E, pone il tema dell’obbligo. Del resto, dice, “per ormai un anno abbiamo ricevuto atti aventi forza di legge con i quali sono state limitate libertà fondamentali individuali e collettive, sono state chiuse le scuole e sospese attività economiche con danni gravissimi anche da un punto di vista di salute individuale e pubblica”. E ora che “esiste lo strumento per uscire da questa ‘catastrofe’, vi chiedo perché non è stato reso obbligatorio il vaccino, almeno per le categorie più esposte della popolazione, e quali azioni intendete intraprendere di fronte ad uno scenario che non riguarderà solamente Bagno di Romagna”. Lo si spieghi dato che “la medesima situazione riguarderà poi anche le persone fragili e quelle che hanno più bisogno di essere protette, ma che ben possono legittimamente rifiutare il vaccino”.

LEGGI ANCHE: Vaccino Covid, vertice Governo-Regioni: “Fuori da emergenza entro l’estate”

Secondo Baccini è mancata una campagna di informazione “strutturata e preventiva” da varare quando si è deciso di rendere facoltativo il vaccino: non c’è stata e questo ha lasciato “in balia delle opinioni quotidiane che vanno rincorrendosi e screditandosi a vicenda, creando caos e confusione su un tema di primaria importanza”.

I SINDACALISTI PERPLESSI: “IL COMUNE HA FORNITO LE INFORMAZIONI NECESSARIE?”

Il caso della residenza di riposo per anziani Camilla Spighi preoccupa la Uil: “Siamo rimasti perplessi davanti al rifiuto degli operatori a immunizzarsi. Raccomandiamo, pertanto, agli operatori, in assenza di problematiche di natura sanitaria, di sottoporsi alla vaccinazione. Questo non solo per tutelare loro stessi, ma anche le stesse persone di cui si prendono cura”, dicono il segretario della Uil dell’Emilia-Romagna, Giuliano Zignani e quello della Uil-Fpl regionale, Paolo Palmarini.

“L’alta percentuale di no ci lascia tuttavia alquanto perplessi e ci sollecita domande: nella Cra gestita dal Comune- chiedono i due sindacalisti- è stata fatta un’attenta e approfondita campagna informativa tra operatori e ospiti, quindi anche verso le loro famiglie, per spiegare a fondo la vaccinazioni anti Covid? Prima quindi di invocare l’obbligo vaccinale, peraltro anti-costituzionale, forse sarebbe meglio esperire tutti gli strumenti al momento a disposizione per una moral suasion verso questi operatori”. E questo eviterebbe anche “ipotesi, a nostro avviso prive di ogni fondamento, di licenziamenti. Siamo al cospetto della più grande campagna vaccinale dal dopoguerra e riteniamo che eventuali norme specifiche sulla vaccinazione anti-Covid debbano essere assunte a livello nazionale”, concludono Zignani e Palmarini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»