Caporalato nella Piana di Gioia Tauro, arresti anche per sfruttamento della prostituzione

Nel corso dell'operazione sono state eseguite numerose ordinanze di custodia cautelare nei confronti di cittadini extracomunitari di origine centrafricana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – I carabinieri di Reggio Calabria, coordinati dalla procura di Palmi, nell’area della Piana di Gioia Tauro hanno arrestato una rete di persone ritenute responsabili di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Nel corso dell’operazione sono state eseguite numerose ordinanze di custodia cautelare nei confronti di cittadini extracomunitari di origine centrafricana, ed all’epoca dei fatti, domiciliati nel sito della baraccopoli di San Ferdinando e nel Comune di Rosarno, i quali, in concorso con i titolari di aziende agricole e cooperative operanti nel settore della raccolta e della vendita di agrumi nella Piana di Gioia Tauro, erano dediti prevalentemente alle attività di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro ai danni di braccianti agricoli extracomunitari, nonché alla commissione di ulteriori reati quali il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione di donne africane.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»