Cefalù, bandiera italiana bruciata nel giorno della festa del Tricolore

"Un gesto scellato" commenta il sindaco della cittadina in provincia di Palermo, Rosario Lapunzina.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Una bandiera italiana che era stata esposta sulla facciata del Comune di Cefalù, nel Palermitano, in occasione della festa del Tricolore, è stata bruciata. Ne dà notizia il sindaco della cittadina normanna, Rosario Lapunzina, che esprime “massima fiducia nell’operato delle forze dell’ordine che stanno conducendo le indagini per giungere – dice – all’identificazione degli autori del gesto scellerato“. “Nell’attesa che si faccia luce sull’accaduto e con l’auspicio che i responsabili vengano presto assicurati alla giustizia, desidero ricordare che il Tricolore è il simbolo dell’affermazione dello Stato e degli ideali di democrazia e giustizia, valori – prosegue – per i quali molti italiani hanno sacrificato la loro vita. La bandiera è un testimone che viene passato da generazione in generazione. Per questo la città di Cefalù, nell’esprimere ferma condanna per il vilipendio perpetrato, manifesta sentimenti di condivisione e rispetto per tutti gli italiani che, nel Tricolore e nella Costituzione, si riconoscono concittadini”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»