Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Villa Torlonia rinasce la Serra Moresca, l’Alhambra romana

serra_morena
Inclusa nel polo museale di Villa Torlonia, sarà aperta al pubblico dall'8 dicembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Nessun tesoro nascosto di Roma, nessun ritrovamento: la Serra Moresca è sempre stata lì, nel cuore di Villa Torlonia. E finalmente dopo anni di incuria e abbandono, l’Alhambra di Roma torna a splendere per tutta la città. Voluta dal principe Alessandro Torlonia nella prima metà dell’Ottocento, la Serra e la Torre Moreschi sono opera dell’architetto Giuseppe Jappelli che diede vita a un esotico giardino, a un’esclusiva location – come diremmo oggi – per gli ospiti più importanti e addirittura a una grotta artificiale. Così alla presenza del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, della sovrintendente capitolina, Maria Vittoria Marini Clarelli, e dell’assessore alla Cultura, Miguel Gotor, si festeggia la rinascita della Serra.


“Oggi- ha detto il sindaco- finalmente potrà essere restituita ai cittadini. Tutti potranno godere di questa meraviglia grazie a un lavoro di restauro concluso dopo molto tempo”. Lo spazio incluso nel polo museale di Villa Torlonia torna alla sua vocazione originaria: una serra con all’esterno e all’interno palme, agavi, aloe e ananas. Presto ci saranno laboratori e didattica mentre fuori tutto è pensato per accogliere eventi, mostre, piccoli spettacoli e incontri di didattica ambientale. Là dove sorgeva la grotta, rivivono i ‘laghetti’.

“Doveva essere un giardino all’inglese ma fu proprio l’architetto a convincere il committente, portandolo così verso uno stile moresco ispirato all’Alhambra di Granada. Fu così che nacque una struttura molto moderna in piperino, ghisa e ferro con vetrate policrome. La grotta artificiale invece, nonostante le resistenze dell’architetto, fu fortemente voluta dal principe: era sorretta da strutture in legno e stucco e tanto grande da far entrare gli ospiti con le carrozze, ma nel tempo purtroppo non ha retto. Tutt’intorno c’erano laghetti e percorsi in legno sospesi. Oggi i suoi resti sono uno scenario naturale da ammirare”, ha raccontato la sovrintendente Marini Clarelli. Dopo i primi lavori di recupero degli edifici, tra il 2007 e il 2013, si è appena conclusa la seconda fase di restauro. Negli anni le coperture della serra sono crollate, i vetri e gli arredi sono stati in gran parte perduti ed è stata necessaria una vera e propria opera di bonifica a causa della vegetazione infestante.

Così lo spettacolo ‘Serra Moresca’ torna a nuova vita ed è ufficialmente inclusa nel polo museale di Villa Torlonia. La visita inizia proprio dal padiglione della serra, dove la vegetazione fa da cornice alla fontana interna, oggi di nuovo attiva. Si prosegue poi verso la Grotta artificiale pensata come il luogo della Ninfa (‘Nymphae Loci’), con i suoi resti illuminati, le cascatelle e i laghetti dove tornano a vivere ninfee e fiori di loto. Dal basso si può vedere la Torre, imponente costruzione con ampie finestre con intelaiature in ghisa e vetri colorati che nascondono, all’interno, pareti riccamente decorate ma per ora non accessibili al pubblico. L’allestimento come lo vediamo oggi è basato su uno studio accurato della documentazione grafica e fotografica sulle descrizioni dei luoghi di Giuseppe Checchetelli. “La riapertura è stata l’occasione di riscoprire botanica e stili di vita- Ha spiegato Marini Clarelli- nella serra Torlonia venivano infatti coltivate piante di ananas. Sono state diverse le ipotesi di utilizzo, la scelta finale era che fosse ‘una serra nella serra’ e quindi che tornasse al suo utilizzo di sempre.

Maria Cristina Tullio una grande architetta paesaggista si è fatta carico di tutto, riportando nello spazio la palma, l’aloe, l’agave e ovviamente l’ananas”. L’apertura della Serra Moresca ai cittadini è dall’8 dicembre: il biglietto d’ingresso costa 4 euro, il ridotto invece 3 ed è acquistabile alla biglietteria, online o telefonando a 060608 tutti i giorni dalle 9 alle 19, con supplemento di un euro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»