Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La ministra Lamorgese è positiva al Covid

SANTA MARIA IN ARACOELI. CELEBRAZIONI IN ONORE DI SANTA BARBARA, PATRONA DEI VIGILI DEL FUOCO
Dopo 4 ore di Consiglio, il premier Conte e tutti i ministri presenti saranno sottoposti a tampone per escludere il contagio. Di Maio in isolamento fiduciario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Covid in diretta a Palazzo Chigi. La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese è risultata positiva al Covid. Lo apprende l’interessata dal sito del Tempo.it, che cita fonti del Viminale. 

La ministra questa mattina, come fa periodicamente, si era sottoposta al tampone ed era in attesa dell’esito. Peccato che il risultato sia giunto dopo che la stessa ministra aveva partecipato per 4 ore alla riunione del consiglio dei ministri, convocato sul Recovery Fund. 

Alla conferma della positivita’, il premier Giuseppe Conte ha sospeso la riunione per consentire alla titolare del Viminale di allontarsi dalla sede del governo. Poi il consiglio e’ ripreso ma per pochi minuti: tanti quanti sono bastati per mettere agli atti che non c’e’ accordo sulla struttura di missione, cosi’ come e’ stata delineata in cdm e che se ne riparlera’ domani nella continuazione del consiglio.

Ma sulle prossime ore pesa a questo punto non solo l’incognita politica ma anche la lunga ombra del virus. A palazzo Chigi scherzano: “Se non altro una riunione positiva…”, si lascia andare un sottosegretario. Ma e’ un modo per sciogliere la tensione. I colleghi Luigi Di Maio e Alfonso Bonafede, che erano seduti accanto a Lamorgese, si metteranno in autoisolamento. “Ma il lavoro continua tramite videoconferenze”, fanno sapere dai rispettivi staff. Per loro vale quanto stabilito dal protocollo in caso di contatti diretti. Agli altri ministri, compreso il premier Giuseppe Conte, che erano piu’ distanti e indossavano come tutti la mascherina, tocchera’ fare i tamponi

Il governo confida che l’irruzione del virus nella stanza dei bottoni non fermi anche la macchina dei lavori parlamentari e istituzionali. E’ fitta la scaletta delle prossime ore: mercoledi’ mattina il premier riferisce alla Camera, quindi nel pomeriggio al Senato, in un passaggio difficile dal punto di vista dei numeri. La votazione vertera’ anche sul Mes, l’ormai famoso – o famigerato, dipende dai gusti- meccanismo per la stabilita’ finanziaria dei paesi Ue. In queste ore si fanno i conti tra dissidenti M5s, minacce da parte di Italia Viva, promesse da parte dei centristi e forzisti. Quindi in serata nuovo consiglio dei ministri per sugellare l’intesa, o nel peggiore dei casi, la crisi. 

Ma non e’ finita: giovedi’ il premier e’ atteso al consiglio europeo, in una sessione decisiva che si concludera’ il giorno dopo. Un tour de force che dovrebbe dare il via alla rinascita e alla resilienza italiana, come recita il Pnrr all’esame del consiglio dei ministri. Ma il Covid potrebbe complicare tutto, anche innescando un nuovo inedito fronte con le opposizioni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»