Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Quarant’anni senza John Lennon, a consolarci è la sua musica immortale

L'8 dicembre 1980 un fan uccise l'ex Beatle a colpi di pistola. Da allora la sua storia ha ispirato romanzi e pellicole, e le sue canzoni sono rimaste inni alla pace e all'uguaglianza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Sono trascorsi quarant’anni dalla sera fatale in cui Mark David Chapman premette il grilletto, e l’oscurità si prese la stella più brillante del firmamento musicale. L’8 dicembre 1980 moriva John Lennon, e con lui sfumava non solo uno dei capitoli più intensi della storia culturale del mondo, ma anche un’epoca sociale fatta di ‘bed-in’ e di contestazioni pacifiche, di figli dei fiori e di ‘Give Peace a Chance’.

Imagine John Lennon

Quarant’anni in cui la consolazione ha viaggiato sulle note di canzoni immortali come ‘Imagine’, ‘Instant Karma’, ‘Working Class Hero’, e la storia del ragazzo di Liverpool ha riempito pagine di libri e fotogrammi di film, dedicati alla sua controversa relazione con i Beatles (in particolare con l’altro leader della band Paul McCartney), alla storia d’amore e d’arte con Yoko Ono, al matrimonio fallito con Cynthia Powell e al rapporto col figlio Sean, alla difficile gestione di una popolarità che lo ha consacrato icona di un movimento socio-politico a cui lui sentiva di appartenere fino ad un certo punto. 

Ma è proprio la morte assurda, avvenuta per mano di un suo fan, l’aspetto più morbosamente esplorato in questi quarant’anni di assenza. Ogni dettaglio di quelle macabre ore, dell’assassino che non scappa ma si ferma a leggere alcune righe de ‘Il giovane Holden’, mentre John muore tra le braccia di Yoko, è stato trasposto in pellicole e pagine di libri, quasi a voler mettere nero su bianco la fine impossibile da credere di un mito

lennon sagoma modena

Oggi sono tante le dimostrazioni d’affetto e riconoscenza: stasera Blob, in onda alle 20 su Rai3, renderà omaggio a Lennon con una puntata speciale dal titolo ‘John’. Alle 21, poi, si terrà un concerto in streaming sulla pagina facebook del giornalista Andrea Scanzi, che vedrà la partecipazione di Mario Biondi, Alberto Fortis, Edoardo Bennato, Andy dei Bluvertigo, Francesco Baccini, Joe Bastianich e tantissimi altri artisti. 

Tanti anche gli omaggi nelle città italiane: da Modena, dove i brani di John Lennon risuoneranno per le vie del centro storico di Castelnuovo Rangone e il 19 dicembre si terrà un incontro alle 15 nel parco che porta il nome del cantautore per inaugurare una sagoma del musicista, fino a Rimini, dove alle 17,30 debutterà la web radio del Comune con una playlist dedicata proprio all’ex Beatle. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»