Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La guida della Polizia Postale per difendersi dalle truffe online

Ecco alcuni consigli pratici per effettuare acquisti in rete in tranquillità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Fai clic sul pulsante modifica per cambiare questo testo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

BOLOGNA – Chiusi in casa per lunghi periodi a causa della pandemia, gli italiani si sono dati allo shopping online, finendo, però, spesso vittima di raggiri. Un fenomeno che riguarda in particolare i più giovani, che, allettati dai prezzi molto bassi, sono sesso caduti in trappola. Le truffe via web in questo periodo, in effetti, sono esplose: il numero delle segnalazioni e denunce ricevute sul Commissariatodips.it, sommate a quelle delle persone arrestate e denunciate nel corso del 2020, ha registrato un incremento del 89,1% rispetto all’anno precedente.

TRUFFE SOPRATTUTTO SU INSTAGRAM

Per questo la Polizia, in vista degli acquisti di Natale, e grazie all’esperienza sul campo dalla Polizia postale, ha stilato una guida con consigli pratici e suggerimenti per acquistare in rete con maggiore tranquillità. “L’ultima operazione della Polizia postale ha messo in luce un complesso modus operandi che vedeva i criminali pubblicizzare la vendita di capi di abbigliamento tramite Instagram, la piattaforma più popolare tra i giovani e giovanissimi”, spiegano dalla Questura di Bologna. “La proposta di capi alla moda dal modesto valore commerciale, l’uso di un ambiente social in voga tra i più giovani e l’utilizzo di profili con migliaia di followers hanno facilmente attratto le giovani vittime, inducendole agli acquisti poi rivelatisi truffaldini”, evidenziano gli agenti.

LEGGI ANCHE: Truffa a Bologna: la banda dei bancomat rubava le buste con i nuovi pin

L’attenzione dei truffatori si è concentrata su alcuni utenti, che, “accuratamente selezionati”, sono stati contattati su Instagram e convinti fare acquisti con carte prepagate. Non contenti, i malviventi, utilizzando altri profili social, ricontattavano le vittime convincendole a fare un nuovo pagamento con scuse come le spese di dogana o problemi fiscali. Insomma, mai fidarsi, soprattutto se la merce proposta ha prezzi troppo bassi per essere veri.

I CONSIGLI PER GLI ACQUISTI IN RETE

Innanzitutto, è il consiglio della Postale, il primo passo per essere sicuri è utilizzare software e browser completi e aggiornati e avere sempre un buon antivirus aggiornato all’ultima versione, visto che molti offrono ormai protezione anche nella scelta degli acquisti su Internet. Poi, è meglio dare la preferenza a siti certificati o ufficiali. È consigliabile dare la preferenza a negozi online di grandi catene perché, oltre ad offrire maggiori sicurezze in termini di pagamento, sono affidabili anche per quanto riguarda l’assistenza e la garanzia sul prodotto acquistato e sulla spedizione. In caso di siti poco conosciuti si può controllare la presenza di certificati di sicurezza come Trust e Verified. Prima di completare l’acquisto verificare che il sito sia fornito di riferimenti come la partiva Iva, un numero di telefono fisso, un indirizzo fisico e ulteriori dati per contattare l’azienda. Un sito che non riporti queste informazioni non vuole essere rintracciabile e potrebbe avere qualcosa da nascondere. E poi, leggere sempre i commenti e i feedback di altri acquirenti, perché le ‘voci’ su un sito truffaldino circolano velocemente online.

LEGGI ANCHE: ‘Trecento euro per salire sul palco’: scoperta la truffa al Mei

Se si sceglie di acquistare online da grandi negozi, il consiglio è quello di utilizzare le app ufficiali. Utilizzare soprattutto carte di credito ricaricabili. Diffidare, sempre, di un oggetto messo in vendita a un prezzo irrisorio e dubitare di chi chiede di esser contattato al di fuori della piattaforma di annunci con email o sms ambigui con la scusa di far risparmiare sulle commissioni e di chi ha troppa fretta di concludere l’affare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»