Il Veneto sperimenta a Pian Rosada i rimboschimenti innovativi a prova di cervo

La Foresta del Cansiglio, dove le piante sono state danneggiate dalla tempesta Vaia del 2018, verrà ripopolata da abeti e faggi, protetti da una speciale recinzione anti brucatura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Anche la Foresta del Cansiglio, gestita da Veneto Agricoltura, come tanti altri boschi dell’arco alpino, porta ancora le cicatrici della tempesta Vaia dell’ottobre 2018. In particolare a Pian Rosada, dove le piante abbattute o compromesse dalle fortissime raffiche di vento sono state moltissime, diverse migliaia di metri cubi di legname. L’Agenzia regionale, subito dopo la tempesta, ha avviato nell’area le operazioni di sistemazione e rimboschimento, ma lo ha fatto introducendo una speciale novità: ha installato recinzioni sperimentali “a prova di cervo” realizzate grazie al progetto europeo Interreg Italia-Austria “BioDeltaFor”, appena concluso, che Veneto Agricoltura ha condotto negli ultimi due anni d’intesa con l’Università di Padova e la Camera dell’Agricoltura del Sud Tirolo.

LEGGI ANCHE: Maltempo, allerta rossa in Veneto, Friuli, Emilia e a Bolzano

Le tre aree recintate, ciascuna di un ettaro, hanno la funzione di proteggere le piantine messe a dimora dalla brucatura dei cervi. Si tratta dello sviluppo di una sperimentazione avviata da alcuni anni nella foresta dei Dogi da Veneto Agricoltura, che ha posizionato una decina di piccole recinzioni, pochi metri quadrati, ma utili a valutare lo sviluppo delle giovani piante in “modalità protetta”. Le piantine messe a dimora in Cansiglio (e non solo) arrivano per lo più dal Vivaio di Pian dei Spini, struttura di Veneto Agricoltura potenziata proprio per far fronte alle necessità delle foreste venete devastate da Vaia, la cui sede si trova poco lontano da Pian Rosada. Si tratta principalmente di piante autoctone di abete e faggio prodotte con sementi locali ma, nell’ambito della cosiddetta “migrazione sperimentale assistita”, Veneto Agricoltura intende utilizzare in piccole aree sperimentali anche delle piantine provenienti da aree climatiche più calde, come per esempio il faggio del Pollino. L’obiettivo è quello di farsi trovare pronti, in un futuro non lontanissimo, ad un possibile innalzamento delle temperature medie e alle conseguenze che ne potranno derivare.

LEGGI ANCHE: Maltempo, Zaia: “In montagna è un casino, state a casa e non intralciate per fare le storie di Instagram”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»