Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Anelli (Ordine dei Medici di Bari): “Attenzione ai test rapidi”

Sono "dispositivi che, se non usati correttamente, possono dare l'illusione della sicurezza inducendo erroneamente a pensare di poter riprendere la solita vita, senza le opportune precauzioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Ai cittadini dico attenzione ai tamponi fai da te”. Lo dichiara Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei medici di Bari evidenziando, in una nota che i test sono “dispositivi che, se non usati correttamente, possono dare l’illusione della sicurezza e quindi aumentano il livello del rischio: dopo un risultato negativo, si è indotti erroneamente a pensare di poter riprendere la solita vita, senza le opportune precauzioni. Questo è sbagliato e pericoloso. Invito tutti i cittadini a consultare sempre il loro medico di famiglia”. Sulle iniziative di alcuni sindaci della Murgia che hanno chiesto alla Regione nuove restrizioni a causa degli indici particolarmente elevati di contagio, Anelli si dice favorevole. “Il mio sostegno – dice – va ai sindaci pugliesi per il grande senso di responsabilità e il contributo importante che stanno dando per contenere epidemia e ridurre i lutti e le sofferenze dei nostri concittadini”. “Oggi serve rigore e coesione per ridurre al massimo i danni e le conseguenze di questa terribile pandemia”, sostiene ricordando che “in queste ultime ore il nome di altri due medici pugliesi si e’ aggiunto alla lunga lista dei medici morti a causa della pandemia. Alle loro famiglie vanno le mie sentite condoglianze”. Sale così a nove il numero dei medici pugliesi vittime della pandemia.

LEGGI ANCHE: Covid Puglia, a Gravina e Altamura contagi ancora alti. Lopalco: “Pronta ordinanza restrittiva”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»