VIDEO | Recovery Fund, no di Italia Viva a task force. Bonetti: “Inaccettabile struttura parallela al governo”

Torna in alto mare l'ipotesi di una struttura ad hoc per gestire il recovery fund italiano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Torna in alto mare l’ipotesi di una struttura ad hoc per gestire il recovery fund italiano. Italia viva dice ‘no’ a una struttura parallela al governo e chiede che il Parlamento sia coinvolto. “Oggi c’é un paese che deve trovare insieme il dialogo e la responsabilità per affrontare i prossimi anni. Costituire una struttura parallela al governo di cui il Parlamento non sa nulla è evidente che è un modo di esautorare il Paese nella progettazione del proprio futuro. E questo non è accettabile”, dice la ministra Elena Bonetti, interpellata mentre arriva a Palazzo Chigi. Intanto il consiglio dei ministri, inizialmente slittato alle 9 dovrebbe slittare ancora. 

CDM CONVOCATO OGGI E VIA LIBERA DEFINITIVO MERCOLEDÌ

Un primo esame oggi – con il cdm convocato alle 12 – e il via libera definitivo mercoledì prossimo con un consiglio dei ministri convocato alle 20. E’ l’ipotesi che circola in ambienti parlamentari per il via libera del governo alla struttura di missione sul recovery fund, a quanto apprende l’agenzia Dire. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»