Elezioni Omceo Roma, trionfa la lista ‘Medici Uniti’: Bartoletti leader dei voti

Scelti i 15 componenti per il nuovo Consiglio, con loro ci sono anche 5 odontoiatri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La lista ‘Medici uniti’ ha trionfato alle elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine provinciale di Roma dei medici chirurghi e odontoiatri per il triennio 2018-2020. Pier Luigi Bartoletti, capolista insieme ad Antonio Magi, ha raccolto il maggior numero delle preferenze con 3.501 voti.

Dopo di lui proprio Magi, con 3.442. Poi Cristina Patrizi con 3.431, Claudio Colistra 3.409, Roberto Bonfili 3.406, Luisa Gatta 3.404, Luigi Tonino Marsella 3.372, Rosa Maria Scalise 3.371, Giuseppe Imperoli 3.368, Stefano Canitano 3.362, Ivo Pulcini 3.352, Maria Grazia Tarsitano 3.350, Gianfranco Damiani 3.310, Foad Aodi 3.301 e Musa Awad 3.276. Sono loro quindi, in attesa della proclamazione, i 15 componenti indicati per il nuovo Consiglio.

Il presidente uscente, Giuseppe Lavra, capolista di ‘Insieme per la nostra professione’ ha raccolto 1.972 preferenze.

Al fianco dei 15 medici, 5 rappresentanti degli odontoiatri, che si sono presentati insieme nella lista ‘Uniti per l’odontoiatria’: Brunello Pollifrone, Nicola Illuzzi e Sabrina Santaniello, Giovanni Migliano e Giuseppe Marzo.

Ai seggi si sono recati il 15,7% degli aventi diritto per i medici, con 5.973 votanti, 22,3% per gli odontoiatri, con 1.280 votanti, 16,6% per i revisori, con 7.253 votanti. Dalle urne usciranno nelle prossime ore anche i nomi dei tre componenti del Collegio di revisori dei conti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»