Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Multe accertatori, a Bologna una valanga di ricorsi vinti: il 70% dei cittadini ha ragione

La tendenza ricorre sia nei ricorsi al Prefetto che in quelli al giudice di pace
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – A Bologna più del 70% dei ricorsi contro le multe degli accertatori della sosta viene vinto dal cittadino che ha preso la contravvenzione. I dati anno per anno sono in realtà piuttosto disomogenei, ma una tendenza a favore di chi fa ricorso trova generalmente riscontri sia per quanto riguarda quelli inviati al prefetto sia su quelli presentati al giudice di pace.

NEL 2015 VINTI 260 RICORSI SU 535

Nel 2015, ad esempio, su 535 ricorsi al prefetto (178.885 il totale delle multe di quell’anno) ben 260 hanno visto prevalere il cittadino multato, con 82 ricorsi respinti e 159 ancora in corso. Lo stesso anno i giudici di pace hanno dato ragione ai cittadini ricorrenti 54 volte, con 13 ricorsi respinti (64 sono ancora in corso). Anno nero il 2015 anche per Scout: le 52.909 multe comminate hanno prodotto 383 ricorsi al Prefetto, dei quali 219 vinti dai cittadini, 32 respinti e 117 ancora in corso.

Riteniamo che larga parte della sanzioni elevate dagli accertatori sia illegittima“, scandisce il capogruppo di Forza Italia in Regione Galeazzo Bignami che oggi ha presentato un esposto sulla vicenda. “Ormai- sostiene il berlusconiano- il Comune cerca sempre più attraverso le sanzioni di tirare fuori i soldi dalle tasche dei cittadini, noi riteniamo che le sanzioni debbano essere fatte per la sicurezza e per consentire a tutti di vivere meglio la città”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»