Argentina, tensione Macri-Kirchner per passaggio poteri

Da giorni i due sono coinvolti in un'insolita disputa sul luogo in cui dovranno passare di mano il 'bastone del comando' e la fascia presidenziale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se la presidente non vuole passare le insegne del potere alla Casa Rosada, lo fara’ la Corte Suprema”: cosi’ il presidente eletto Mauricio Macri, intervenendo in un programma televisivo, ha risposto indirettamente a colei che giovedi’ gli cedera’ i poteri, Cristina Fernandez de Kirchner.

Macri

Da giorni i due sono coinvolti in un’insolita disputa sul luogo in cui dovranno passare di mano il ‘bastone del comando’ e la fascia presidenziale. Fernandez vorrebbe farlo presso la sede del Parlamento, una volta che Macri abbia prestato giuramento, argomentando che questa e’ la procedura prevista dalla Costituzione; Macri, da parte sua, pretende che la cerimonia abbia luogo alla Casa Rosada (sede centrale del potere esecutivo), dopo aver giurato di fronte al Congresso, come e’ avvenuto in altre occasioni. “L’articolo 114 del cerimoniale della presidenza prevede che le insegne siano consegnate alla Casa Rosada, nel Salon Blanco” ha puntualizzato Macri. Il conservatore uscito vincente dal ballottaggio del 22 novembre battendo dopo 12 anni il ‘kirchnerismo’ ha fatto sapere di aver comunicato nel fine settimana con la presidente uscente l’intenzione di svolgere la cerimonia alla Casa Rosada, con un programma diverso da quello previsto dall’esecutivo. (Dire-Misna)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»